home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Banda di romeni incubo di anziani rapinati nelle loro ville: tre arresti nell'ennese

Prendevano di mira pensionati residenti in particolare a Piazza Armerina. Sventata l'ennesima rapina che i tre stavano organizzando ai danni di una coppia di coniugi

Banda di romeni incubo di anziani rapinati nelle loro ville: tre arresti nell'ennese

PIAZZA ARMERINA (ENNA) - Una banda specializzata in rapine in villa ai danni di anziani e furti nell’ennese è stata scoperta dalla Polizia che ha arrestato tre romeni. L’accusa nei loro confronti è di rapina, tentata rapina e furto pluriaggravato. L’attività investigativa, condotta dalla Squadra Mobile di Enna e dal Commissariato di Piazza Armerina, ha consentito di sventare l’ennesimo assalto ai danni di una coppia di pensionati.

GUARDA IL VIDEO


L’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Enna, è stata avviata dopo una serie di furti e rapine, sopratutto nei confronti di persone anziane di Piazza Armerina. Gli arrestati sono tre romeni residenti a Piazza Armerina: Miklos Laszlo, 39 anni, Vasile Ghidu, di 29, e Teodor Natanael Nica, di 27. Ai tre è contestato il furto di 10 metri di grondaie di rame in un’abitazione di Piazza Armerina e, nel pomeriggio dello stesso giorno, il 3 gennaio scorso, di avere tentato di commettere una rapina pluriaggravata ai danni di un’anziana coppia di coniugi. Sono anche indiziati del furto pluriaggravato ai danni di un’abitazione sita in una zona rurale della città dei mosaici, messo a segna la sera di Capodanno, occasione in cui, forzando una finestra ed approfittando ancora dell’oscurità e dell’assenza dei proprietari, sono stati asportati numerosi quadri in rame, in argento, statuette in argento massiccio, coppe e persino indumenti per neonati. Sono stati intercettati e arrestati dopo che intercettazioni ambientali telefoniche della squadra mobile di Enna e del commissariato di Piazza Armerina, nell’ambito di indagini sull'escalation dallo scorso novembre di furti e rapine, hanno permesso di accertare che i tre stavano per assalire una villa dove vivevano due anziani coniugi che gestiscono un’azienda agricola. Nella loro auto la polizia di Stato ha sequestrato attrezzi idonei allo scasso, vari spezzoni di grondaie di rame, passamontagna realizzati con maniche di maglioni, una pistola tipo giocattolo, attrezzature e materiali vari come cacciaviti, dischi per flex, guanti, seghe, nonché refurtiva, abbigliamento, benzina e attrezzi agricoli.


I tre romeni sono stati arrestati e condotti in carcere su disposizione del procuratore Massimo Palmeri e del sosstituto Domenico Cattano, titolari dell’inchuesta, che hanno coordinato le indagini della polizia.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa