home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Barrafranca, ucciso l'ex capo del settore economico del Comune

Antonio Zuccalà, 65 anni, freddato a colpi di arma da fuoco in un casolare di proprietà della famiglia, in contrada Friddari

Barrafranca, ucciso il capo del settore economico del Comune

Nel riquadro Antonio Zuccalà

BARRAFRANCA - Antonio Zuccalà, 65 anni, dipendente del comune di Barrafranca è stato ucciso a colpi di arma da fuoco in un casolare di proprietà della famiglia, in contrada Friddari. A dare l’allarme il figlio che non vedendolo rincasare è andato a cercarlo in campagna trovandolo morto ed ha avvisato i carabinieri.

Antonio Zuccalà, era in pensione da poco ed era stato il capo del settore economico-finanziario al Comune di Barrafranca dopo una vita trascorsa negli uffici comunali. Era dipendente del Comune dal 1976. I carabinieri stanno interrogando i familiari della vittima.

«Siamo dispiaciuti e vicini alla famiglia dell’ex dipendente Antonio Zuccalà» ha detto il sindaco di Barrafranca Fabio Accardi.

«Nell’ultimo periodo della sua carriera - aggiunge - Zuccalà lavorava nell’ufficio trasparenza». «Siamo molto preoccupati - lamenta - perché tutti gli omicidi negli ultimi anni, compiuti in questo territorio, sono rimasti impuniti, speriamo che questa volta non sia così e che gli investigatori riescano ad arrestare chi ha commesso l’omicidio».

Ma già dai primi momenti si è capito che non sarà facile risolvere il mistero di questo omicidio. Perché a primo acchito, sembrerebbero non esserci ombre nel passato di Antonio Zuccalà, ma l'ex ex dipendente del Comune è stato assassinato con diversi colpi di pistola alla testa e all’addome. E secondo gli inquirenti si è trattata di una vera e propria esecuzione. 

I carabinieri hanno cercato elementi utili per dare una chiave di lettura all’omicidio che come detto da subito è apparso inspiegabile considerato che Zuccalà era persona rispettabile, dalla condotta professionale irreprensibile. Contrada Fiddrani anche se in territorio di Enna dista pochi chilometri da Barrafranca e Antonio Zuccalà era solito andare nel suo terreno a maggior ragione da quando era in pensione. Probabilmente l’omicida conosceva le sue abitudini, potrebbe averlo seguito nella proprietà e avergli teso l’agguato mortale. O Zuccalà potrebbe aver sorpreso qualcuno nella casa di campagna. Ma sono ancora tutte ipotesi. Sono ancora al vaglio degli inquirenti il numero dei colpi esplosi e il tipo di arma usata che dovrebbe essere una pistola di grosso calibro. La notizia si è diffusa in paese in poco tempo e Barrafranca è ripiombata nella paura anche per il fatto, sottolineato dal sindaco, che gli ultimi omicidi in zona sono rimasti senza colpevole.

Antonio Zuccalà lascia la moglie e due figli, Livio e Yuri, professionisti nel campo dell’avvocatura e dell’architettura.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa