home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Aidone, tentano estorsione: finiscono in carcere

Tre persone arrestate dalla polizia: sono accusati anche di associazione a delinquere di stampo mafioso e vengono indicati come vicini al boss della Sicilia orientale Salvatore Seminara

Catania: raffica di arresti per le volantie rinvenimento ingente quantitativo cocaina

ENNA - Tre persone sono state arrestate dalla polizia, a conclusione di una indagine coordinata dalla Dda di Caltanissetta e svolta dalla Squadra Mobile di Enna, con l’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso e tentata estorsione ai danni un imprenditore di Aidone (Enna), titolare di una ditta edile.

Gli arrestati vengono indicati come vicini al boss della Sicilia orientale Salvatore Seminara, scarcerato nel 2013 per scadenza dei termini di custodia, al vertice della famiglia mafiosa di Caltagirone (Caltagirone). I tre, tutti di Aidone, sarebbero strettamente legati anche alla famiglia di Raddusa, controllata comunque dallo stesso Seminara.

Dalle indagini è emerso inoltre che uno degli arrestati sarebbe stato in grado di esercitare significative influenze sul Comune di Aidone, in particolare, nella gestione della raccolta dei rifiuti e del taglio degli alberi correlati al decoro urbano, nonché nell'organizzazione di iniziative di intrattenimento a favore di un’attività commerciale.

I dettagli dell’operazione verranno illustrati in mattina nel corso di una conferenza stampa che si terrà nella sala riunioni della Questura di Enna.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO