Notizie locali
Pubblicità
Enna, vandalizzata la tomba di Valentina Scialfa: fu uccisa dal compagno

Enna

Delitto Vanessa Scialfa, legali della famiglia: «Conclusa la nostra indagine»

Di Redazione

ENNA - I legali della famiglia di Vanessa Scialfa, la ventenne uccisa il 24 aprile del 2012 dal fidanzato Francesco Lo Presti, depositeranno nei prossimi giorni alla Procura di Enna i risultati di una loro indagine per accertare la verità sull'omicidio della giovane. Lo rendono noto, nel giorno del nono anniversario del delitto, gli avvocati Patrizia Di Mattia, Eleanna Parasiliti Molica e Mauro Lombardo che hanno completato la prima fase dell’attività avviata all’indomani dei danneggiamenti alla tomba ed alla lapide di Vanessa Scialfa, nell’ottobre e nel novembre dello scorso anno, e dalla quale, sostengono, «sarebbero emersi interessanti spunti per l'accertamento della verità sull'omicidio».

Pubblicità

Per i genitori di Vanessa, il cui corpo fu fatto ritrovare dall’assassino il 26 aprile in un fossato ai piedi della miniera di Pasquasia, Lo Presti non sarebbe stato solo nella fase di occultamento del cadavere. Stasera, alle 19.30, su iniziativa della famiglia, nella chieda di Santa Lucia a Enna Bassa sarà celebrata una messa in suffragio di Vanessa alla quale parteciperanno anche le volontarie dello sportello antiviolenza Diana dell’associazione Cotulevi.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: