home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Tra Catania e Taormina un agosto di grande musica con il Mythos Opera Festival

Novità e artisti di fama internazionale nella seconda edizione della rassegna, al via all'ombra dell'Etna nel Cortile Platamone e poi di scena nel Teatro Antico della Perla dello Ionio. E ci sarà anche un incontro tra le famiglie Verga e Mascagni, che suggelleranno una riappacificazione storica

Tra Catania e Taormina un agosto di grande musica con il Mythos Opera Festival

CATANIA - Sarà ancora una volta la grande opera la protagonista della seconda edizione del Mythos Opera Festival, evento tra i più attesi dell’estate in Sicilia. E quella che si accinge a prendere il via, tra Catania e Taormina, sarà un’edizione ricca di novità e di artisti di fama internazionale.

Il primo grande appuntamento è in programma il 10 agosto nel Cortile Platamone di Catania, dove andrà in scena la Tosca, opera lirica in tre atti di Giacomo Puccini. A firmare la regia il maestro Enrico Stinchelli, quest’anno nella veste anche di direttore artistico del Festival, noto al grande pubblico per l’amata trasmissione radiofonica «La Barcaccia», condotta su Radio3.

Il 12 agosto ancora il Cortile Platamone di Catania ospiterà Mascagni incontra Verga, con la regia del noto direttore d’orchestra Alberto Veronesi, figlio dell’oncologo Umberto Veronesi. Emozioni in musica ma non solo. Il concerto vedrà infatti l’incontro tra le famiglie Verga e Mascagni, che suggelleranno una riappacificazione storica.

Dal 22 agosto il Mythos Opera Festival si trasferirà nel Teatro Antico di Taormina dove in quella data andrà in scena un concerto-gala dedicato alla Cavalleria Rusticana. Il 24 agosto si terrà uno degli eventi più attesi del Festival, l’Aida di Giuseppe Verdi, con un omaggio al tenore Giuseppe Di Stefano a 10 anni dalla sua scomparsa. La regia è affidata al senatore Nino Strano, già aiuto regista di Franco Zeffirelli e Mauro Bolognini. A curare il coordinamento sarà l’attore e regista Giancarlo Zanetti.

A chiudere in bellezza il Mythos Opera Festival il 28 agosto nel Teatro Antico di Taormina sarà La Traviata di Giuseppe Verdi, diretta dal maestro Filippo Arlia, direttore dell’Istituto Superiore di Studi Musicali «P. I. Tchaikovsky» di Nocera Terinese e direttore musicale dell’intero Festival.

Le voci più importanti saranno selezionate dal Mythos Opera Festival durante il Corso di Alta Formazione, che si concluderà il 10 luglio a Fondi (Latina). L’Orchestra Filarmonica della Calabria sarà protagonista di quasi tutti gli appuntamenti musicali. Nel cast artistico anche il Coro Lirico Siciliano, diretto dal maestro Francesco Costa. A curare i costumi e le scene l’Accademia delle Belle Arti di Catania, partner del Festival.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa