Notizie locali
Pubblicità
Teatro Bellini Story, la Quinta Sinfonia di Beethoven in streaming

Archivio

Teatro Bellini Story, la Quinta Sinfonia di Beethoven in streaming

Di Redazione

CATANIA - "Stiamo vicini restando a casa": così recita il motto del ciclo in streaming Teatro Bellini Story, che apre gli archivi del tempio catanese della musica per mantenere vivi sul web i contatti con e tra gli appassionati, tenerli uniti anche in questa fase di emergenza. Aderendo alle consimili iniziative varate in atto da numerose istituzioni culturali, il Teatro Massimo Bellini intende così garantire un servizio alla comunità. L'accesso è completamente gratuito e iscriversi è semplicissimo per godere comodamente sul proprio computer, tablet o cellulare, di un'offerta di alto livello artistico che si arricchirà a ritmo serrato.
Dopo il successo riscosso dal video della sontuosa "Norma" allestita nel 2005, il ciclo continua infatti con un'altra proposta di qualità, la registrazione della Quinta Sinfonia di Beethoven, nella magistrale interpretazione eseguita nel 2019 dall'Orchestra del Bellini, diretta dalla prestigiosa bacchetta del maestro Elio Boncompagni. Riproporla oggi costituisce un duplice omaggio: al duecentocinquantenario beethoveniano della nascita e al contempo alla memoria del celebre direttore d'orchestra, che offrì al pubblico etneo una delle sue ultime esibizioni prima della scomparsa. La scelta di alternare pagine sinfoniche e operistiche permetterà di offrire una panoramica delle produzioni realizzate dal Teatro Massimo Bellini negli ultimi decenni, con alcune chicche risalenti anche più indietro nel tempo. Coinvolgente e partecipato, come si è anticipato, è stato l'evento inaugurale di "Norma" trasmessa giovedì scorso: un'edizione di alto livello, con la sapiente direzione di Giuliano Carella, la superba Dimitra Theodossiou nel ruolo del titolo, e la straordinaria regia di Walter Pagliaro.

Pubblicità


In pochi giorni il canale ha ricevuto oltre 7.500 visualizzazioni complessive, e quasi mille utenti hanno riempito la sala virtuale del Teatro partecipando attivamente alla diretta, che ha coinvolto un'ampia percentuale di giovani presenti soprattutto attraverso le "stories" su Instagram. Commenti entusiasti sono arrivati anche da utenti stranieri, che hanno seguito lo streaming da Germania, Francia, Spagna, Grecia, Danimarca e Regno Unito. Particolarmente azzeccata si è rivelata dunque la formula della diretta online, che dà appuntamento in rete agli appassionati, permettendo loro di rivivere tappe importanti nella programmazione dell'ente, e di commentare in tempo reale la visione e l'ascolto degli eventi musicali.


Sulla scia di questo straordinario riscontro l'iniziativa prosegue con registrazioni in video o in audio di sicuro impatto. Già a partire da lunedì 23 marzo, e disponibile nei giorni successivi sul proprio canale You Tube ufficiale, il Teatro Massimo Bellini propone la sua Orchestra nell'interpretazione della celeberrima Quinta Sinfonia in do minore, op. 67, composta da Beethoven nel 1806. Tenuta a battesimo due anni dopo, nel corso di una memorabile accademia al Theater an der Wien il 22 dicembre del 1808, la partitura si è imposta alla memoria collettiva con il perentorio "motto" iniziale, nel quale Anton Schindler lesse la presenza del «destino che bussa alla porta». A governare una materia tanto complessa, è qui il direttore d'orchestra Elio Boncompagni, che sarebbe venuto a mancare pochi mesi dopo il concerto, destando emozione e profondo cordoglio nel mondo dell'arte e della cultura. Protagonista della vita musicale non solo europea dell'ultimo mezzo secolo, il maestro Boncompagni, allievo di direttori leggendari del calibro di Franco Ferrara e Tullio Serafin, è stato direttore musicale del Théâtre royal de la Monnaie di Bruxelles, direttore artistico e musicale del San Carlo di Napoli, direttore stabile al Volksoper e allo Staatsoper di Vienna, Generalmusikdirektor ad Aachen. A lui si devono, tra l'altro, le revisioni critiche di due rari titoli donizettiani, "Don Sebastiano", nella versione italiana, e "Maria di Rohan", in quella viennese. Lo ricordiamo con ammirazione e affetto.
Buon ascolto!


Il ciclo Teatro Bellini Story si propone di offrire, si è detto, un variegato "cartellone" di concerti, opere, balletti. Dopo il tributo beethoveniano, la programmazione proseguirà giovedì 26 marzo alle 18.30 in diretta streaming con il video di "Un ballo in maschera" di Giuseppe Verdi, nell'edizione che nel 2013 inaugurò la stagione del Teatro Massimo Bellini con un cast stellare. Sul podio José Cura, protagonisti il compianto tenore Marcello Giordani e ancora Dimitra Theodossiou, mentre a firmare la regia Luca Verdone.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA