home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

«La mafia catanese voleva punire Icardi per Maxi Lopez». Wanda Nara: «Tutte invenzioni»

Le rivelazioni di un conduttore televisivo argentino arricchiscono di una nuova puntata il gossip sul triangolo Maxi-Wanda-Icardi

«La mafia catanese voleva punire Icardi per Maxi Lopez». Wanda Nara: «Tutte invenzioni»

Sono passati anni dall'addio di Maxi Lopez a Catania, ne è passata acqua sotto i ponti da quando l'ex attaccante rossazzurro ha divorziato dalla moglie che ha preferito il più giovane e famoso attaccante dell'Inter Mauro Icardi, eppure il gossip sul triangolo amoroso più chiacchierato degli ultimi anni (grazie ai social network e all'interessamento di personaggi del calibro di Maradona) si arricchisce ancora di nuove puntate come le più famose telenovelas sudamericane. Ed è proprio dall'Argentina che arriva l'ultima rivelazione: a farla è stato Carlos Monti, noto conduttore, che ha dichiarato a 'Radio 10' di essere venuto a conoscenza di un contatto tra la mafia catanese e Maxi Lopez, nel periodo post divorzio, in cui la "gallina bionda" era tornata a giocare a Catania per un breve periodo.

 

Secondo quanto raccontato dal presentatore argentino, alcuni loschi personaggi avrebbero avvicinato il giocatore rossazzuro in auto, proponendogli di malmenare Mauro Icardi o addirittura di rompergli le gambe, interrompendo la sua carriera da calciatore, che proprio in questi giorni vive momenti di tensione dopo le incomprensioni con la curva dell'Inter causate dalla sua autobiografia e il rigore sbagliato in questa domenica calcistica che decreta la crisi della squadra nerazzurra, battua in casa dal Cagliari.

 

Ma torniamo alla nostra storia. Secondo quanto svelato dal conduttore, l'approccio tra l'attaccante del Torino (allora ancora tra le fila del Catania) ed emissari di una cosca sarebbe avvenuto nei primi mesi del 2014 quando Maxi Lopez era tornato a indossare la maglia della formazione etnea. Quando Maxi Lopez sarebbe stato avvicinato da mafiosi di Catania mentre si trovava a a bordo della sua Porsche, l'attaccante avrebbe declinato la proposta, ma i malavitosi gli avrebbero comunque lasciato un biglietto con il numero di telefono del loro boss. E nell'intervista a Conti vengono riportati anche alcuni virgolettati, quali: "Vuoi che andiamo da lui?", "Vuoi dargli una lezione?".

 

La notizia non ha trovato riscontri ufficiali né conferme da parte del diretto interessato. Ma naturalmente non si è fatta attendere la risposta della procace Wanda Nara, sempre molto attiva sui social e attenta alle notizie che circolano sul web. Così Wanda, attraverso il suo profilo Twitter, ha scritto: "Monti non riesce a intervistare né me né Mauro e parla con la mafia siciliana. Quando non hai notizie, è chiaro che le inventi".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa