home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Bioshopper a pagamento, per Legambiente "troppe bufale e inesattezze"

L' associazione ambientalista precisa che "non è una tassa occulta, nè c'è monopolio dell’azienda Novamont"

Bioshopper a pagamento, per Legambiente "troppe bufale e inesattezze"

ROMA - Sui nuovi bioshopper biodegradabili e compostabili a pagamento, utilizzati per gli alimenti e obbligatori dal 1 gennaio 2018, circolano «troppe bufale e inesattezze». Lo afferma Legambiente, nel ribadire che invece "fanno bene all’ambiente e aiutano a contrastare il problema dell’inquinamento da plastica".


In particolare, Legambiente punta il dito contro due "bugie": che sia una «tassa occulta» e che favorisca il monopolio di Novamont, azienda a cui si deve l’invenzione di Mater-Bi, famiglia di bioplastiche biodegradabili e compostabili.
«Da sempre i cittadini pagano in modo invisibile gli imballaggi che acquistano con i prodotti alimentari, solo che dal 1/o gennaio il prezzo è visibile e presente sullo scontrino», spiega l’associazione ambientalista, aggiungendo che in Italia si possono acquistare bioplastiche da almeno una decina di aziende. Tuttavia, Legambiente rileva che «tra le principali aziende della chimica verde, una volta tanto l’Italia ha una leadership mondiale sul tema, grazie ad una società che è stata la prima 30 anni fa a investire in questo settore, e che negli ultimi 10 anni ha permesso di far riaprire impianti chiusi, riconvertendoli a filiere che producono biopolimeri innovativi che riducono l’inquinamento da plastica».


Quanto all’utilizzo dei sacchetti monouso, Legambiente spiega che «è un problema che si può superare semplicemente con una circolare ministeriale, che permetta in modo chiaro, a chi vende frutta e verdura, di far usare sacchetti riutilizzabili, come ad esempio le retine, pratica già in uso nel nord Europa». Nel definire queste polemiche «incomprensibili», Stefano Ciafani, direttore generale di Legambiente, osserva che «sarebbe utile che ci si preoccupasse dei cambiamenti climatici e dell’inquinamento causato dalle plastiche non gestite correttamente, e che si accettassero soluzioni tecnologiche e produttive che contribuiscono a risolvere questi problemi, senza lasciarsi andare a polemiche da campagna elettorale, di cui non se ne sente il bisogno». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • Tanja

    04 Gennaio 2018 - 08:08

    Per "far bene all´ambiente e contrastare il problema della plastica perché non si inizia con la restituzione delle bottiglie di plastica nei supermercati come in tutte le altre parti dell´Europa? Perché non usare come "nel Nord Europa" le retine per la spesa (tra l´altro anche dati gratuitamente)? Come mai in Germania (dove vivo) questi bioshopper sono da anni gratuiti? Sicuramente li paghiamo con la frutta o verdura, ma posso mettere diversi prodotti in una busta e poi me li pesano separatamente alla cassa. Strano vero?

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa