Notizie locali
Pubblicità

Archivio

Il carretto vuol diventare bene Unesco

Di Gaetano Guidotto
Pubblicità

Entrambi, Pupi e Pizza, con i dovuti distingui, in ambito culturale e gastronomico sono frutto di arti artigianali di straordinaria fattura che si tramandano da generazioni e connotano la cultura e le tradizioni delle rispettive terre. Esattamente come il Carretto siciliano che meriterebbe il riconoscimento perché è fra i simboli più evidenti dell’identità della nostra bella Isola e dell’arte popolare, esprimendo non solo elementi di folklore, ma anche il carattere dei siciliani.

A far diventare il nostro Carretto patrimonio dell’Umanità ci stanno provando i ragazzi della Pro Loco di Bronte che questa mattina, in occasione del primo “Carretto Sicily fest”, di Bronte, organizzato insieme ad Alfredo Gullotti che dei carretti siciliani di famiglia ne ha fatto un museo, presenteranno la candidatura del Carretto Siciliano come Patrimonio dell’Unesco, creando anche un registro ufficiale dei Carretti, in collaborazione con la Soprintendenza ai Beni Culturali.

“Si concretizzerà – afferma il presidente Dario Longhitano - la volontà di tutti i carrettieri, i pittori, gli scultori, i poeti e gli storici di arte e cultura siciliana. Poniamo in essere le azioni necessarie per far conoscere al mondo la nostra storia”.

Non stupisca che la proposta del Carretto patrimonio dell’Unesco giunga da Bronte e non dai paesi famosi per i pittori. La città del pistacchio è l’unica in Sicilia, insieme a Terrasini, ad avere un museo di carretti siciliani visitabile dai turisti.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA