home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

BOLOGNA

Reperti Strage Bologna furono distrutti

Impossibile ristudiarli. Difesa Cavallini, 'andavano conservati'

Reperti Strage Bologna furono distrutti

BOLOGNA, 19 GIU - I reperti analizzati in passato per far luce sull'esplosione che il 2 agosto 1980 sventrò un'ala della stazione di Bologna, 85 morti e 200 feriti, sono stati distrutti il 15 gennaio 2004 su disposizione della Corte di assise di appello. Lo attesta l'ufficio corpi di reato del tribunale in risposta a una richiesta dell'avvocato Gabriele Bordoni, difensore di Gilberto Cavallini, attualmente a processo per concorso nella Strage. Il materiale, terriccio da cui furono prelevati campioni per analisi di laboratorio, era conservato in sei plichi sigillati e un tavolino. La Corte ne decise la distruzione dopo la perizia disposta nell'appello nel processo principale. "Ma all'epoca erano ancora in corso il processo a Luigi Ciavardini, Cavallini è indagato dal 2000 e poi ci sarebbe stata l'indagine bis che portò alle iscrizioni di Kram e Frohlich: sarebbe stato opportuno e intelligente conservare i reperti, in una vicenda come questa che resta aperta e nell'ottica di un'eventuale revisione", commenta Bordoni.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa