home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Sangue sulle strade della Sicilia, in tre incidenti 4 morti e 4 feriti

Gli scontri sono avvenuti sull' A19, nel Trapanese e sulla Palermo-Agrigento. Giovani le vittime, due delle quali di Catania

Sangue sulle strade della Sicilia, in tre incidenti 4 morti e 4 feriti

PALERMO - Giornata di sangue sulle strade siciliane dove in tre diversi incidenti stradali sono morte 4 persone e altrettante sono rimaste ferite. Sull'autostrada A19 Catania-Palermo tra gli svincoli di Gerbini Sferro e Catenanuova, nel territorio di Centuripe (Enna), sono morti Emanuele Bellia e Roberta Cucchiara, di 23 anni ed entrambi di Catania, e sono rimasti feriti la sorella di Bellia, Sofia, 22 anni, un coetaneo, Giacomo Olea e Marco Tumminelli, il più grave. Quest'ultimo, che viaggiava su una Fiat Doblò, ha investito l'auto dei quattro ragazzi, una Peugeot 306, parcheggiata sulla corsia d'emergenza per un guasto.

Michelangelo Giano, 28 anni, di Trapani, è morto invece in un incidente stradale sulla provinciale che conduce a San Vito Lo Capo: la sua auto si è scontrata con un'altra vettura. Una persona è morta e una è rimasta gravemente ferita, invece, nello scontro tra un'auto e un mezzo pesante lungo la Palermo-Agrigento. Il traffico è rimasto interrotto tra Cammarata e Bivio Manganaro. A scontrarsi frontalmente sono stati un furgone frigorifero, che trasportava pollame, e un’autovettura. L’uomo che era al volante della Fiat Bravo, Nicolò Russotto, 59 anni, di Casteltermini, ha perso la vita. Giudicate lievi le contusioni che sono state, invece, riportate dall’uomo che era alla guida del Ford transit frigorifero. Lungo la strada statale oltre ai carabinieri, hanno lavorato i vigili del fuoco del comando provinciale di Agrigento e le ambulanze del 118.  

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • Mirko

    13 Agosto 2018 - 20:08

    E pensare che tanti vorrebbero il ponte sullo stretto. Con tutti quei soldi hai voglia a sistemare la viabilità stradale isolana. Perché le nostre non sono strade, sono trazzere!!!! Poveri ragazzi e le loro famiglie.

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa