Notizie locali
Pubblicità

Italia

Esami di Maturità ai nastri di partenza il 19 giugno  tra consigli e avvertenze

Di Redazione

Roma - La prima prova della nuova maturità si terrà quest’anno il 19 giugno, giorno in cui i maturandi dovranno scegliere e svolgere una tra più tracce e tipologie indicate dal ministero dell’Istruzione. Ma quali sono e cosa è necessario sapere per fare una scelta azzeccata la mattina del tema di italiano? Ecco cosa gli studenti si troveranno davanti il giorno del via alla Maturità 2019 e i consigli di Skuola.net per scegliere oculatamente tra le varie proposte, che si rinnovano a partire da quest’anno.

Pubblicità

* Analisi del testo. La tipologia A, analisi del testo, a partire dalla maturità 2019 comprenderà due proposte di traccia. Come successo nelle simulazioni nazionali pubblicate dal Miur, è possibile che una delle due tracce proporrà una poesia, l’altra un brano di prosa. Come annunciato dal ministero più volte, gli autori possibili in prima prova saranno quelli che hanno operato a partire dall’Unità d’Italia.

La prova è articolata su una serie di domande che sostanzialmente guidano alla comprensione del testo nei suo vari livelli: Analisi dello stile e del significato letterale del testo, attraverso una serie di domande a cui lo studente deve rispondere puntualmente; Approfondimento dei contenuti, con lo sviluppo di un di un elaborato inerente l'autore o il tema trattato dal testo. Scegliere questa tipologia è consigliato a chi ha una buona capacità di comprensione del significato del testo e dello stile con il quale è redatto. A volte però questo può non bastare. Infatti, è richiesta anche una buona conoscenza della poetica dell’autore, del contesto storico in cui si colloca e della letteratura in generale. Insomma, è da scegliere nel caso in cui si abbia un’ottima preparazione letteraria.

* Testo argomentativo. Altra novità della maturità 2019 è la tipologia B, che prevede la redazione di un testo argomentativo, scelto dal candidato tra le tre tracce proposte all’interno di grandi ambiti di riferimento: artistico, storico, letterario, filosofico, tecnologico, scientifico, economico o sociale. Ognuna di queste tipologie di traccia B proporrà un argomento centrale accompagnato da un documento o un estratto di testo, alcune domande di comprensione a cui rispondere per poi concludere con la consegna di un elaborato vero e proprio. Questa tipologia è consigliata a tutti, visto che consente di affrontare un argomento con il supporto di un documento e di domande di comprensione che «guidano» lo svolgimento. Importante è comprendere in maniera approfondita il testo per poi esporre l'eventuale tesi e/o antitesi richiesta.

L'unica avvertenza è quella di esercitarsi prima dell’esame in modo da non arrivare al giorno fatidico senza mai avere mai sviluppato un testo con queste caratteristiche.

* Tema di attualità. La traccia del tema di attualità raddoppia a partire da quest’anno. Tuttavia, le richieste del compito rimangono abbastanza "tradizionali": bisogna sviluppare l’argomento proposto nel titolo, corredato spesso di una citazione autorevole, servendosi delle proprie conoscenze personali. In questo caso, non esistono vincoli «stilistici» né di lunghezza dell’elaborato. Si può dare libero sfogo al proprio estro e alla propria cultura personale, purché non si vada fuori tema. Questa tipologia di prova è consigliata a chi è particolarmente preparato sull'argomento proposto. Può essere una buona scelta per gli studenti molto bravi nella scrittura e particolarmente riflessivi: non avendo gli stessi vincoli e le stesse informazioni che invece sono presenti nelle tracce di testo argomentativi, si è i protagonisti del proprio lavoro, decidendo di cosa e quanto parlare.  

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: