Notizie locali
Pubblicità
Coronavirus, 60 italiani bloccati a Istanbul vogliono rientrare

Italia

Coronavirus, 60 italiani bloccati a Istanbul vogliono rientrare

Di Redazione

PALERMO - Ci sono 50 italiani a Istanbul che non riescono a tornare in Italia, nonostante abbiano più volte chiesto l’intervento della Farnesina: «Ci rispondono invitandoci a trovare un modo per arrivare in Europa, per poi raggiungere l'Italia con voli dedicati per Malpensa», dice Fabrizio Frazzitta, che da 6 anni e mezzo lavora in Turchia e da una decina di giorni tenta di far ritorno nel proprio Paese. «Ma non abbiamo alcuna possibilità di muoverci - aggiunge anche a nome degli altri connazionali - visto che la Turchia ha chiuso gli aeroporti. Per molti è un problema serio: la sanità qui è un servizio legato alle assicurazioni private e agli italiani è precluso l’accesso. In caso di malattia rischiamo di non trovare il modo di accedere alle cure».

Pubblicità


Da alcuni giorni, tuttavia, le missioni diplomatiche italiane in Turchia stanno raccogliendo le manifestazioni di interesse dei connazionali per un eventuale volo commerciale di rientro. Due voli da Istanbul erano già stati organizzati lo scorso 24 marzo per Roma e Milano per poco più di 60 italiani, con numerosi posti disponibili rimasti inutilizzati. In caso di comprovata emergenza, per i connazionali è possibile rivolgersi alle nostre missioni diplomatiche, che mantengono attive le linee 24 ore su 24.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: