Notizie locali
Pubblicità
Dpcm scontenta tutti, Regioni sperano in correzioni, ma il rischio è lockdown totale

Italia

Dpcm scontenta tutti, Regioni sperano in correzioni, ma il rischio è lockdown totale

Di Domenico Palesse

ROMA - Il nuovo dpcm del governo Conte sembra scontentare un po' tutti, dai ristoratori agli esercenti cinematografici, dai gestori dei giochi a quelli delle palestre. Senza contare lo scetticismo delle Regioni che chiedono al governo di «valutare se qualche correzione ci potrà essere». 

Pubblicità

«Secondo noi - spiega il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini - era meglio chiudere i centri commerciali il sabato e la domenica dove si affolla tanta gente che ristoranti, teatri, cinema e palestre che rispettavano le regole». Mentre una parte del mondo scientifico chiede una linea più dura come il consigliere del ministero della Salute, Water Ricciardi. «La via da seguire - spiega - è quella delineata da una ricerca dell’Università di Edimburgo pubblicata su Lancet la scorsa settimana. E’ necessario un altro lockdown». Mentre il viceministro della Salute, Pier Paolo Sileri, se in mattinata si era detto «non pienamente d’accordo» poi ha giudicato il provvedimento «proporzionato alla situazione per addolcire la curva del contagio».

Non mancano le forti critiche del mondo produttivo col presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, che sostiene come le nuove misure produrranno «danni gravissimi alle imprese, danni insopportabili». E aumentano le proteste nelle piazze italiane, da Verona a Catania: si diffondono a macchia d’olio, con il rischio di infiltrazione della criminalità organizzata ventilato dal procuratore Antimafia, Federico Cafiero De Raho.

Tanti dubbi sul nuovo provvedimento del mondo scientifico. Secondo il presidente dell’Istituto Mario Negri di Milano, Silvio Garattini, le misure «danno un colpo al cerchio e uno alla botte tra salute ed economia ma non arrivano al punto giusto, perché continuano ad aumentare i contagi e i morti». Dpcm da «8 in pagella», invece, per il virologo Andrea Crisanti. «E' coraggioso e indispensabile se vogliamo evitare il lockdown - ha detto -. Ha scontentato molti, ma non credo fosse evitabile». «Se il nuovo decreto è indovinato - chiosa il responsabile Malattie Infettive dell’ospedale Sacco di Milano, Massimo Galli - lo vedremo fra due settimane».

Nel frattempo, alle 18 di oggi, l’Italia è piombata nel semi-lockdown, con la speranza che le chiusure possano limitarsi al mese previsto dal Dpcm. I dati del nuovo bollettino del ministero della Salute registrano il 13,6% di positivi sul numero di tamponi, la percentuale più alta della seconda ondata del virus. Un dato simile si era registrato solo a marzo-aprile, nel picco della pandemia. I nuovi positivi sono stati 17.012 con 141 morti su circa 124 mila tamponi, quasi 40 mila in meno rispetto a domenica. I pazienti in terapia intensiva sono aumentati di 76, mentre i ricoverati in ospedale sfiorano i 13 mila (12.997).

E la Farnesina raccomanda di evitare i viaggi turistici all’estero, senza escludere ulteriori limitazioni agli spostamenti in futuro.

A guidare il malcontento territoriale, dopo la sintesi di Bonaccini che chiede modifiche, e coagulate nelle regioni di centrodestra, il governatore del Veneto, Luca Zaia. «Questo provvedimento non ci voleva, e facciamo fatica a farlo accettare - spiega -. Faccio appello al governo perché lo riveda». «Seri dubbi» sono stati espressi anche dal collega lombardo, Attilio Fontana, che chiede «immediati ristori» alle categorie coinvolte dalle chiusure, così come aveva fatto ieri immediatamente il governatore della Sicilia Nello Musumeci. Eugenio Giani, presidente della Toscana e vicino a Matteo Renzi, spiega che non attuerà misure più restrittive rispetto a quelle previste dal Dpcm, evitando dunque il il coprifuoco dalle 24 alle 5 che già è in vigore in altre regioni d’Italia, come Lazio, Lombardia, Campania e Piemonte. Decisamente diverso l’approccio del sindaco di Quindici, in Irpinia, che ha vietato la circolazione ai minorenni se non per comprovati motivi e comunque accompagnati da un «familiare adulto». Una analoga ordinanza è stata emanata dal sindaco di Avella, che è anche presidente della Provincia di Avellino.

Sul fronte politico, il leader della Lega, Matteo Salvini, ha chiamato a raccolta sindaci e amministratori del Carroccio per valutare un ricorso al Tar. E oggi ha anche annunciato di voler proporre al Parlamento un comitato tecnico-scientifico alternativo che dovrebbe di fatto contrastare «qualcuno che aspetta di speculare e fare business sul Covid».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA