Notizie locali
Pubblicità
Nuovo governo, Draghi accetta l'incarico con riserva: «Fiducioso che emerga unità»

Italia

Nuovo governo, Draghi accetta l'incarico con riserva: «Fiducioso che emerga unità»

Di Redazione

ROMA - Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha affidato a Mario Draghi l’incarico di formare un nuovo Governo. L’ex presidente della Bce si è riservato di accettare la guida di un nuovo esecutivo e  ha detto che scioglierà la riserva dopo le  consultazioni.

Pubblicità

Il colloquio tra il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ed il presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi è durato un’ora e dieci minuti.

«Ringrazio il presidente della Repubblica per la fiducia che mi ha voluto accordare - ha detto il presidente incaricato parlando dopo l’incontro con il Capo dello Stato - conferendomi l'incarico per la formazione di un nuovo governo. E’ un momento difficile. Il presidente ha ricordato la drammatica crisi sanitaria con i suoi gravi effetti sulla vita delle persone, sull'economia e sulla società. La consapevolezza dell’emergenza richiede risposte all’altezza della situazione. Ed è con questa speranza e con questo impegno che rispondo positivamente all’appello del presidente della Repubblica».

«Vincere la pandemia, completare la campagna vaccinale, offire risposte ai problemi quotidiani dei cittadini rilanciare il Paese sono le sfide che ci confrontano - ha detto ancora Draghi -. Abbiamo a disposizione le risorse straordinarie della Ue, l’opportunità di fare molto per il Paese con uno sguardo attento al futuro delle giovani generazioni e al rafforzamento della coesione sociale».

«Con grande rispetto mi rivolgerò innanzitutto al Parlamento - ha aggiunto - , espressione della volontà popolare. Sono fiducioso che dal confronto copn i partiti ed i gruppi parlamentari e dal dialogo con le fozre sociali emerga unità e con essa l la capacità di dare una risposta responsabile e postiva all’appello del presidente della Repubblica. Scioglierò la riserva al termine delle consultazioni».

Lasciando il Quirinale, il presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi si è recato prima alla Camera e poi al Senato per comunicare ai presidenti delle Camera di aver ricevuto l’incarico dal presidente della Repubblica di formare un nuovo governo. 

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA