Notizie locali
Pubblicità
Draghi, secondo giorno di consultazioni: a che punto è la nuova maggioranza

Italia

Draghi, secondo giorno di consultazioni: a che punto è la nuova maggioranza

Di Cristina Ferrulli

ROMA - Con l’arrivo dei big a Roma, da Silvio Berlusconi a Beppe Grillo e Davide Casaleggio, entrano nel vivo le consultazioni del premier incaricato Mario Draghi, che ha trascorso un’altra nottata nel buen ritiro in Umbria dopo la prima giornata di incontri ieri a Montecitorio.

Pubblicità

Dalle 11 l’ex presidente della Bce ha ricominciato a vedere i partiti, oggi è la volta di quelli medio-grandi: dopo le autonomie toccherà a Leu, Iv, Fdi, Fi e Pd e la durata dell’incontro aumenterà rispetto alla mezzora dedicata ieri alle forze minori.

Ma se il fronte del sì cresce, molti nodi restano ancora aperti. Prima ancora che la squadra, Draghi sarà chiamato a definire il perimetro della maggioranza.

«Definire il perimetro e fare la sintesi è compito del professor Draghi, noi offriremo i contenuti. Non arretreremo di un millimetro sull'ancoraggio europeo e faremo le nostre scelte a partire dai contenuti», scandisce in mattinata Nicola Zingaretti che vedrebbe come ideale la maggioranza Ursula che in Europa ha sostenuto Ursula Von der Leyen.

D’altra parte se Silvio Berlusconi, che oggi guiderà la delegazione azzurra alle consultazioni, si è già smarcato e tifa per il professore e Fdi sembra aver già deciso che resterà fuori dalla maggioranza, nella Lega ancora si discute con Salvini pronto a collaborare anche dall'opposizione ma che si dice pronto anche ad entrare in un eventuale governo tecnico politico: «Se ci sono spazi per aiutare milioni di italiani - ha detto - noi ci siamo. E se ci siamo, ci siamo:  non facciamo le cose a metà». 

Preso tra forze centrifughe opposte è M5s. Una spinta al sì a Draghi è arrivato ieri dal premier dimissionario Giuseppe Conte e dal ministro Luigi Di Maio mentre l’ala più vicina a Di Battista è convintamente sul no.

Ma l’arrivo di Beppe Grillo e Davide Casaleggio a Roma significa che è l’ora delle scelte. E a quanto risulta dalle indiscrezioni che circolano nel M5s il presidente dell’associazione Rousseau starebbe premendo sui vertici del Movimento per autorizzare una consultazione degli iscritti sulla partecipazione o meno al governo Draghi. 

Beppe Grillo comunque domani sarà nella delegazione M5S che incontrerà il premier incaricato Mario Draghi. Intanto il Fatto quotidiano ha rivelato una lunga telefonata intercorsa tra il fondatore del Movimento e Draghi, che avrebbe fatto cambiare idea a Grillo, sulle prime fermamente contrario a un governo guidato dall’ex numero uno della Bce. Domani il faccia a faccia tra i due.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA