Notizie locali
Pubblicità
La protesta degli artisti circensi: "Noi cittadini di serie D"

Lo dico

La protesta degli artisti circensi: "Noi cittadini di serie D"

Di Nome Cognome

Noi cittadini di serie D dimenticati dalle istituzioni, sopravviviamo grazie all'amore dei cittadini che hanno un cuore, da don Ugo di Marzo a padre Alfonso Cammarrata e don Francesco Mazzoni e Raffaela Possidente (che ogni giorno si preoccupa personalmente di tutti noi‼️), una domanda mi sorge spontanea, ma cosa abbiamo fatto di male per essere trattati così? Fino ad ora solo promesse (ma con quelle non si mangia) perché ci meritiamo il NULLA? lo stato crede che con le promesse di RISTORI si possa campare, ho cercato di trovarmi un lavoro ma: "Mi dispiace lei non ha un esperienza lavorativa e poi ha 60 anni". Quindi tutte le porte chiuse...come possiamo vivere senza nessun aiuto? Le previsioni per una ipotetica data della riapertura, quindi zona Bianca, dopo aprile e fino a quella data? PRESTITI? nessuno te li fa visto che non hai un reddito, vendere la macchina? Poi come mi potrei muovere Vendere la roulotte? E dove andrei a vivere? Sono alla disperazione, SIAMO ALLA DISPERAZIONE! Siamo alla fine di gennaio e 4 mesi fermi qui in questa piazza a Catania e come me, noi, tutti i circhi in SICILIA E IN TUTTA ITALIA. Dio mio che catastrofe! E ancora mi chiedo, cosa abbiamo fatto di male per meritarci la COTANTA INDIFFERENZA NEI NOSTRI CONFRONTI?

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: