Notizie locali
Pubblicità

Messina

«Ma quale simbolo fascista... », il gestore del pontile di Lipari al contrattacco

Di Redazione

Fotografata un paio di giorni fa da un turista, e postata su Facebook, la bandiera con simboli considerati fascisti sul pontile galleggiante di Lipari continua a destare polemiche.

Pubblicità

Ma il gestore della struttura, Peppe Li Donni, non ci sta e contrattacca: «C'è da anni - dice - e nessuno l’ha mai associata ad alcuna ideologia politica. La bandiera riporta il motto 'Memento Audere Semper' (Ricorda di osare sempre), della Prima flottiglia Mas e dal '41 di tutte le flottiglie Mas, da non confondere con la X Mas repubblichina, il cui motto era invece 'Per l’onore d’Italia».

«La bandiera da noi issata riporta il teschio con la rosa in bocca, che era appartenuto a Salvatore Todaro, messinese come noi, pluridecorato sommergibilista, morto tra le fila della Decima flottiglia Mas della Regia Marina, considerato un galantuomo, a cui sono stati dedicate ben due unità della attuale Marina militare».

«Il motto 'Memento audere semper' creato da Gabriele D’Annunzio nella Prima guerra mondiale come libera interpretazione dell’acronimo Mas (in origine 'Motoscafo armato silurantè), dovrebbe essere - conclude1 - d’insegnamento e di sprone a portare avanti ideali e valori morali che sono ormai stati svenduti come merce di poco valore».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: