home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Luigi Genovese: «Gli elettori hanno votato per me e non per mio padre»

Il figlio di Francantonio, inserito da Cinque Stelle nella lista degli impresentabili: «Se io non posso parlare di fondi europei, allora il figlio di Grillo non può parlare di sicurezza stradale»

Luigi Genovese: «Gli elettori hanno votato per me e non per mio padre»

Luigi Genovese

«Hanno votato me, non mio padre. La campagna elettorale l’ho fatta io. Naturalmente il supporto di mio padre non è mancato». Così, il neo deputato regionale Luigi Genovese, figlio di Francantonio Genovese, ai microfoni de I Funamboli su Radio 24, commenta il record di preferenze ottenute alle elezioni per le regionali in Sicilia.

«I 5 Stelle dicono che mio padre è impresentabile? Intanto io non sono impresentabile - dice Genovese - visto che non ho nessuna procedura penale in corso. Inoltre, non è impresentabile mio padre che è stato condannato in primo grado. I 5 stelle hanno parlato in campagna elettorale più degli impresentabili che di contenuti. Grillo mi ha attaccato personalmente quando ho parlato dei fondi europei. Ma se io non potessi parlare dei fondi europei, il figlio di Grillo non dovrebbe poter parlare di sicurezza stradale, visto i fatti che hanno coinvolto Grillo che ha una condanna in terzo grado di giudizio».

«Renzi dice di essere fiero e orgoglioso che i voti di Genovese non sono più nel Pd? Sono contento per lui - commenta -. Penso che Renzi debba concentrasi di più al congresso del Pd, visto le difficoltà che ha nel suo partito. Rispetto al consenso del Parlamento all’arresto di mio padre, che Renzi ha tanto sponsorizzato, io penso che fosse una mossa finalizzata a fare il pieno di voti in vista delle elezioni europee che si tennero tre giorni dopo l’arresto. Elezioni in cui il Pd prese il 40%».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 4
  • baronettotony

    10 Novembre 2017 - 08:08

    Bisognerebbe consigliare a questo ragazzo di farsi scrivere meglio le comunicazioni da dare alla stampa. Che paragone è ,sul figlio di grillo che non potrebbe parlare di sicurezza stradale visto che il padre ha una condanna su un incidente?? Intanto il figlio di grillo non mi risulta che si occupa di sicurezza stradale, e poi non si è mica candidato prendendo i voti di papa. Per favore non offendiamo l,inteliggenza di tutti i siciliani, è patetica questa sua prima uscita al grande pubblico dei media

    Rispondi

  • baronettotony

    10 Novembre 2017 - 08:08

    Bisognerebbe consigliare a questo ragazzo di farsi scrivere meglio le comunicazioni da dare alla stampa. Che paragone è ,sul figlio di grillo che non potrebbe parlare di sicurezza stradale visto che il padre ha una condanna su un incidente?? Intanto il figlio di grillo non mi risulta che si occupa di sicurezza stradale, e poi non si è mica candidato prendendo i voti di papa. Per favore non offendiamo l,inteliggenza di tutti i siciliani, è patetica questa sua prima uscita al grande pubblico dei media

    Rispondi

Mostra più commenti

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa