Notizie locali
Pubblicità

Messina

Messina, «Se vuoi lavorare dammi 50 mila euro», ma commerciante denuncia e lo fa arrestare

Di Redazione

“Dateci 50.000 euro se volete lavorare, qui comandiamo noi”. Era questo il messaggio recapitato, con una lettera anonima lasciata davanti la saracinesca, ad un commerciante di uno storico negozio del centro di Messina che però, anziché piegarsi, ha deciso di denunciare l’episodio alla Guardia di Finanza che, in pochi mesi, ha individuato e arrestato il responsabile.

Pubblicità

I finanzieri del Gico del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Messina hanno infatti arrestato, su ordine del Gip di Messina Eugenio Fiorentino che ha accolto la richiesta della Dda della città dello Stretto, un cinquantacinquenne messinese pluripregiudicato, S.G. .

I reati contestati sono di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso e danneggiamento. Durante le indagini, attraverso delle riprese video sono state documentate le fasi dell’estorsione che, in un crescendo di atti intimidatori, hanno portato il pluripregiudicato prima a un ulteriore danneggiamento alla saracinesca del negozio e, successivamente, attraverso diversi sopralluoghi notturni a pianificarne uno di ben più grave intensità che l’indagato si stava accingendo a compiere. E infatti, nel corso di una perqusizione nell’abitazione dell’indagato al momento dell’arresto è stata trovata una maschera che lo stesso aveva realizzato per non essere riconosciuto durante le intimidazioni nonché una bottiglia e delle garze che, con ogni probabilità, sarebbero state utilizzate per appiccare l’incendio all’attività commerciale della vittima.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA