Notizie locali
Pubblicità
Antimafia, Procuratore di Messina: «Territorio diviso in 3-4 aree criminali»

Messina

Antimafia, Procuratore di Messina: «Territorio diviso in 3-4 aree criminali»

Di Redazione

Messina - Riguardo al "problema delle scarcerazioni" c'è stata "purtroppo non solo quella di Porcino, ma a Messina ci sono stati 39 soggetti in regime di alta sicurezza, alcuni di spessore criminale assolutamente significativo, usciti dal carcere". Lo ha detto il procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Messina, Maurizio De Lucia, ascoltato in audizione in Commissione parlamentare Antimafia, sul tema delle scarcerazioni e misure alternative a detenuti durante l’emergenza Covid. "Il decreto recente ha consentito per alcuni il rientro in carcere, mentre per Porcino il tribunale di sorveglianza di Milano ha ritenuto non ci fossero le condizioni per il rientro in carcere", ha sottolineato De Lucia secondo il quale "l'ondata di scarcerazioni è stata un problema".

Pubblicità

"La realtà criminale del territorio è variegata: ci sono 3-4 aree criminali", ha detto ancora il procuratore De Lucia. "C'è un’area, storicamente infettata dalla presenza mafiosa, quella tirrenica e della zona di Barcellona Pozzo di Gotto - ha spiegato - Poi c'è un’area di grande interesse, anche dal punto di vista economico, quella dei Nebrodi" che le organizzazioni mafiose "hanno imparato ad apprezzare prima di noi e a investire nel territorio con modalità nuove". C'è poi, ha proseguito De Lucia, "la zona ionica che confina con l'area di Catania" dove ci sono la presenza della "famiglia mafiosa Santapaola e una serie di altre organizzazioni mafiose". Riguardo poi alla zona di Taormina "c'è un rischio che esisteva già prima" ma ancor di più con le conseguenze legate "all’epidemia" Covid che "rende altissima la possibilità di investimenti di origine occulta su quel territorio".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA