Notizie locali
Pubblicità
Delitto Beppe Alfano, indagini prorogate su nuovi mandanti

Messina

Delitto Beppe Alfano, indagini prorogate su nuovi mandanti

Di Redazione

MESSINA - Il Gip di Messina, Valeria Curatolo, ha prorogato di sei mesi le indagini sull'omicidio di Beppe Alfano, il cronista ammazzato da Cosa nostra barcellonese l'8 gennaio del 1993, confermando il mandato alla Dda della Città dello Stretto per l’"individuazione di possibili ulteriori mandanti dell’omicidio, rispetto a Beppe Gullotti». Lo riporta la Gazzetta del Sud. Con lo stesso procedimento il Gip, accogliendo la richiesta della Procura, ha disposto l'archiviazione delle posizioni di Stefano Genovese e Basilio Condipodero, indagati in qualità di esecutori materiali del delitto, ritenendo «non adeguatamente riscontrate le propalazioni» del pentito Carmelo D’Amico che li accusava. Gli ulteriori accertamenti disposti dal Gip, con filoni di indagini delineati ed audizioni, riguardano «la sussistenza di rapporti tra Mario Mariani e Rosario Cattafi» e la pistola calibro 22 della «North American Arms», che si sospetta «possa coincidere con quella utilizzata per l’omicidio di Beppe Alfano», che sarebbe passata di mano in mano, tra Barcellona e Milano. Disposta anche una ulteriore perizia balistica sui proiettili rinvenuti sul luogo del delitto per accertare se "siano compatibili con quelli di provenienza da un revolver calibro 22 'North American arms' a tamburo».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA