Notizie locali
Pubblicità

Palermo

Palermo, fa abortire la moglie a calci e pugni: arrestato ventenne

Di Redazione

PALERMO - La Squadra Mobile di Palermo ha dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip presso il Tribunale di Palermo, Antonella Consiglio, a carico di F. I. ventenne palermitano., accusato di di maltrattamenti, lesioni gravi, violenza privata e procurato aborto. L’indagine è stata coordinata dal pm Federica La Chioma e dal Procuratore Aggiunto Ennio Petrigni. Il giovane è accusato di percosse e violenze ai danni della compagnia che sono andate avanti per un anno. L’ultimo episodio alla fine dello scorso mese di febbraio. Il giovane picchiò la donna provocando la frattura delle ossa nasali. Dal racconto della vittima è emerso che il compagno durante la loro convivenza ha provocato l’aborto del figlio frutto della loro relazione. Nel corso dell’ennesima lite ha preso la giovane a calci sul ventre, pur consapevole del suo stato di gravidanza, determinando la perdita del feto.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA