home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Palermo, far west al Civico: due aggressioni a sanitari in un'ora

Prima i parenti di una ragazza, in codice verde, che pretendevano esami e risposte immediate e poi il padre di una bambina che era riuscito a saltare la fila del triage

Palermo, far west al Civico: due aggressioni a sanitari in un'ora

Un infermiere di 50 anni è stato aggredito ieri sera nell’ospedale Civico a Palermo due volte nel giro di poche ore. Gli episodi sono stati denunciati dai vertici dell’azienda sanitaria alla polizia.

Il primo scontro è avvenuto tra l’infermiere e i tre parenti di una ragazza arrivata al pronto soccorso dopo un incidente stradale: per lei è stato dato un codice verde. I tempi d’attesa fra gli accertamenti, la valutazione ortopedica e quella neurologica sembrerebbero essere stati un pò più lunghi del necessario. Questo ha provocato la rabbia dei familiari che avrebbero preteso di avere risposte nel più breve tempo possibile. Quindi via a offese e spintoni, interrotti grazie all’intervento della guardia giurata in servizio al pronto soccorso e di qualche paziente.

Dopo un’ora il medico in servizio e lo stesso infermiere sono stati costretti a chiudersi dentro uno sgabuzzino aspettando l'arrivo della polizia. Protagonista di un’altra aggressione il padre di una bambina arrivata al pronto soccorso. L’uomo, grazie a qualche conoscenza nell’ospedale, sarebbe arrivato nella zona che al momento è inaccessibile al pubblico. Avrebbe preteso una visita urgente per sua figlia. L’infermiere, per proteggere il medico donna, ha chiuso una porta e l’uomo l’ha sfondata. A quel punto l’aggressore ha iniziato a inseguire l’infermiere e lo ha colpito con alcuni pugni. Medico e infermiere sono riusciti a trovare riparo nello sgabuzzino e sono rimasti lì prima di essere liberati dalla polizia dopo qualche decina di minuti.

«Due aggressioni in una sola notte, altre cinque nel giro di un paio di settimane, un clima di tensione e paura che rende ormai difficile lavorare con serenità e garantire un servizio adeguato agli utenti. Siamo in piena emergenza, ma a volte ci sembra di lottare da soli una battaglia che dovrebbe coinvolgere tutti a 360 gradi». Lo dice Giovanni Migliore, commissario dell’Arnas Civico e vicepresidente Fiaso, commentando l’ennesima notte di violenza nel pronto soccorso del Civico, dove due uomini, peraltro alla presenza di forze dell’ordine e vigilanti, hanno aggredito medici e infermieri.  Il primo episodio si è verificato all’ingresso dell’area triage intorno alle 21.30 e a farne le spese sono stati alcuni medici e infermieri che sono stati minacciati verbalmente e aggrediti fisicamente per fortuna senza riportare ferite. Nella seconda, invece, un infermiere è stato ferito al volto e ha riportato escoriazioni, mentre un medico e un altro infermiere, inseguiti e minacciati, sono stati costretti ad abbandonare l'area di assistenza con i pazienti in trattamento ed interrompere il servizio, mentre gli addetti alla sicurezza, con il contributo delle forze di polizia, si adoperavano per allontanare l’aggressore che si era introdotto senza alcun titolo o permesso nell’area del pronto soccorso.


«Ancora una volta denunceremo i fatti alla Procura della Repubblica ma oltre alla solidarietà incondizionata, servono misure straordinarie, purtroppo anche drastiche - afferma Migliore - Abbiamo realizzato una nuova e moderna struttura dedicata all’emergenza, assicurato la dotazione organica completa con 170 unità di personale, e abbiamo inoltre un servizio di filtro degli accessi con guardie armate h24 per evitare che nessuno, escluso i pazienti, varchi la soglia dell’area del pronto soccorso. Contestualmente, però, considerata la recrudescenza di episodi di violenza, voglio lanciare un appello perché sia affrontato il problema della sicurezza nei luoghi di cura che passi anche attraverso modifiche normative. Anche per questo abbiamo chiesto l'intervento della federazione nazionale delle aziende sanitarie e, contestualmente, solleciteremo l’impegno delle associazioni dei pazienti. Serve un deterrente. A mio avviso - conclude - è ormai necessario che siano adottati provvedimenti straordinari per tutelare il diritto alla salute».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • franccel

    13 Aprile 2018 - 15:03

    Far west? Peggio, stiamo tornando alle caverne

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa