home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Roghi nella notte a Palermo e provincia: canadair in azione

Diversi incendi hanno interessato Caccamo, Ciminna e San Martino delle Scale

Roghi nella notte a Palermo e provincia: canadair in azione

PALERMO (ITALPRESS) - Fiamme di diversi incendi dalla scorsa notte nel Palermitano. Un rogo ha interessato Caccamo nella zona di Monte San Calogero e a Ciminna in contrada Monterondo. In contrada San Rocco a Caccamo un altro incendio è divampato alle 2,30. Sul posto a lavoro le squadre del comando provinciale del vigili del fuoco di Palermo e gli operai della forestale con i mezzi di terra. E’ stato richiesto l’intervento di un mezzo aereo che possa raggiungere le zone più impervie.

Intanto a Ciminna in contrada Monterondo gli operai della forestale stanno cercando di spegnere un incendio che è divampato poco dopo le 2 di questa notte. In supporto ai mezzi della forestale una squadra di vigili del fuoco stanno cercando di contenere le fiamme con mezzi di terra. E’ già in azione un elicottero che sta effettuando dei lanci per fermare le fiamme. E' stato inoltre richiesto il supporto di un canadair per estinguere il fronte di fuoco. Nella notte i vigili del fuoco di Palermo sono riusciti ad spegnere due principi d’incendio che sono divampati nella zona San Martino delle Scale. In primo rogo è partito ieri sera alle 21,40. Qui sono state spente le fiamme che avevano iniziato a bruciare una zona con sterpaglie. I lavori di spegnimento si sono conclusi alle 23,30. Un secondo incendio è divampato sempre a San Martino delle Scale poco prima della mezzanotte. Anche in questo caso le squadre dei vigili del fuoco sono prontamente intervenute e in mezzora le fiamme sono state estinte. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa