home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Francesco a Palermo come Wojtyla nella Valle dei Templi Monito a mafiosi: «Convertitevi!»

Così il Papa all'affollatissima platea del Foro Italico. Secondo stime delle autorità locali ad assistere alla messa, circa 100 mila persone

Francesco a Palermo come Wojtyla nella Valle dei Templi Monito a mafiosi: «Convertitevi!»

PALERMO - «Ai mafiosi dico: cambiate fratelli e sorelle! Smettete di pensare a voi stessi e ai vostri soldi, convertitevi al vero Dio di Gesù Cristo! Altrimenti, la vostra stessa vita andrà persa e sarà la peggiore delle sconfitte». Lo ha affermato papa Francesco durante la messa a Palermo. «Se la litania mafiosa è: 'Tu non sai chi sono io, quella cristiana è: 'Io ho bisogno di tè. Se la minaccia mafiosa è: "Tu me la pagherai", la preghiera cristiana è: "Signore, aiutami ad amare", ha detto il Pontefice nell’omelia.

«Voi sapete che il sudario non ha tasche - ha insistito Francesco, non si può portare niente». 

«Ma padre Pino (Puglisi, ndr) aveva ragione: la logica del dio-denaro è perdente. Guardiamoci dentro. Avere spinge sempre a volere: ho una cosa e subito ne voglio un’altra, e poi un’altra ancora, sempre di più, senza fine. Più hai, più vuoi: è una brutta dipendenza, è come una droga. Chi si gonfia di cose scoppia. Chi ama, invece, ritrova se stesso e scopre quanto è bello aiutare, servire; trova la gioia dentro e il sorriso fuori, come è stato per don Pino».

«Senti la vita della tua gente che ha bisogno, ascolta il tuo popolo. Questo è l’unico populismo possibile, l’unico "populismo cristiano": sentire e servire il popolo, senza gridare, accusare e suscitare contese», ha detto ancora il Pontefice.  «Abbiate paura della sordità di non ascoltare il popolo». Ascoltare il popolo è quello che «ha fatto padre Pino, povero fra i poveri della sua terra. Nella sua stanza la sedia dove studiava era rotta», ha spiegato il Papa. «Ma la sedia non era il centro della vita, perché non stava seduto a riposare, ma viveva in cammino per amare. Ecco la mentalità vincente - ha sottolineato -. Ecco la vittoria della fede, che nasce dal dono quotidiano di sé. Ecco la vittoria della fede, che porta il sorriso di Dio sulle strade del mondo». «Ecco la vittoria della fede, che nasce dallo scandalo del martirio - ha detto ancora il Pontefice -. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici. Queste parole di Gesù, scritte sulla tomba di don Puglisi, ricordano a tutti che dare la vita è stato il segreto della sua vittoria, il segreto di una vita bella. Oggi scegliamo anche noi una vita bella».

Secondo le autorità locali, alla messa presieduta dal Papa al Foro Italico erano presenti oltre 100.000 fedeli. Lo rende noto il Vaticano.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa