home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Banda larga nelle zone più remote della Sicilia: da Ue, 55 mln di euro

Sono coinvolti 142 comuni e 2,3 milioni di cittadini. E a Palermo oggi al Digital day è stata illustrata un'iniziativa che prevede anche un Data center regionale nell'ex sede Consorzio Asi

Banda larga nelle zone più remote della Sicilia: da Ue, 55 mln di euro

PALERMO - Un investimento da 55 milioni di euro per far arrivare la banda larga di nuova generazione anche nelle zone più remote della Sicilia. Lo ha approvato oggi la Commissione europea attraverso l’impiego di risorse del Fondo Ue di sviluppo regionale (Fesr). A essere coinvolti saranno oltre 2,3 milioni di residenti in 142 comuni che si trovano nelle cosiddette "aree bianche", dove gli operatori non offrono alcun servizio e non sono interessati a intervenire investendo in infrastrutture digitali. «Non si tratta solamente di far arrivare la banda larga nelle case siciliane, ma di offrire nuove opportunità economiche, servizi pubblici più accessibili e una nuova apertura sul mondo», ha commentato la commissaria Ue per la Politica regionale, Corina Cretu. Grazie al progetto adottato oggi, quasi l’intera isola potrà disporre di una connessione superiore ai 30 Mbit/s, mentre ad alcuni grandi utilizzatori, come le pmi, sarà garantita una connessione superiore ai 100 Mbit/s. Il progetto rientra nel Piano nazionale italiano per la banda ultra larga, che dovrebbe essere portato a termine nel 2020. Nel settennato 2014-2020 sono investiti circa 2 miliardi di euro di fondi europei nelle infrastrutture digitali italiane. 

E sempre in tema di Banda ultra larga in Sicilia la Regione siciliana accelera sull'Agenda digitale, impegnando 106 milioni già nel 2018, su un complesso di 342 milioni, fondi europei da impiegare entro il 2020.


L'iniziativa è stata illustrata al Digital day, a Palermo, dal vicepresidente e assessore all'Economia della Regione, Gaetano Armao, e da esperti. "Stiamo recuperando il divario digitale - ha spiegato Armao - che ha isolato la Sicilia rispetto al resto del Paese". Al centro dell'operazione della digitalizzazione della Regione c'è la realizzazione di un Data center regionale, che sorgerà a Palermo, nell'ex Consorzio Asi di Brancaccio, acquisito al patrimonio regionale e di cui è stata avviata la ristrutturazione. Il Data Center sarà realizzato in 20 mesi, dal momento in cui l'Agenzia per l'Italia digitale validerà la localizzazione nell'immobile.
   

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa