home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Accuse Musumeci a funzionari, Cgil: «Politici sono stati i veri criminali»

La Funzione pubblica del sindacato risponde alle dichiarazioni del presidente della Regione che aveva puntato l'indice contro alcuni dipendenti definendo "criminale il loro comportamento"

Accuse Musumeci a funzionari, Cgil: «Politici sono stati i veri criminali»

Palermo - “I veri criminali sono stati i politici, i quali, con i loro provvedimenti e con la carenza di risorse, hanno destrutturato la macchina amministrativa Regionale”. La Fp Cgil Sicilia non ci sta e rispedisce al mittente le gravi accuse che il Presidente Musumeci ha rivolto ai dipendenti.

“Il Governatore per  giustificare l'operazione clientelare delle stage mascherate  da immissione di nuovo precariato – dichiarano il Segretario Generale, Gaetano Agliozzo, e la Segretaria Regionale, Clara Crocè - adesso scarica la responsabilità sul personale. Non spende invece una parola sui  reali motivi per i quali non si riesce a dare risposte ai bisogni dei cittadini. Da anni la Fp Cgil Sicilia denuncia inefficienza e sprechi, con una riorganizzazione fatta a suon di provvedimenti, ma senza mai alcun preventivo e opportuno confronto con le Organizzazioni sindacali e i lavoratori. Provvedimenti e politiche restrittive che hanno  svilito il ruolo del dipendente pubblico, riducendo i servizi ai cittadini, e offrendo così spazi di agibilità alla politica attraverso la creazione di un sistema parallelo clientelare che ha gestito e che gestisce la Pubblica Amministrazione Siciliana. Rispetto a queste scelte, scellerate, le condizioni di lavoro dei dipendenti, in questi anni, sono notevolmente peggiorate. La cronica assenza di risorse per il funzionamento dell'attività ordinaria degli uffici (informatizzazione e materiali di prima necessità), per la formazione, per la sicurezza e l’igiene ha senza dubbio contribuito a rendere sempre meno di qualità i servizi.

Se qualche isolato funzionario si permette di lasciare la pratica sul tavolo - osservano ancora Agliozzo e Crocè - ci chiediamo allora dove sia il Dirigente che ha tutti gli strumenti contrattuali per sanzionare l’eventuale nullafacente, il cui comportamento svilisce e mortifica il lavoro di migliaia di dipendenti. Ma - continuano Agliozzo e Crocè - non si può sparare nel mucchio.  Il  Presidente porga le scuse ai 5000 dipendenti, A e B, che per anni, a fronte dello stesso trattamento economico, svolgono mansioni superiori assumendosi le responsabilità  pur di mandare avanti la macchina amministrativa. Ed ancora, il Presidente deve chiedere scusa ai 600 precari, che attendono la stabilizzazione, ma anche a coloro che lavorano in assenza di profili professionali, senza alcuna valorizzazione, senza formazione e mettendo addirittura le mani nelle proprie tasche per comprare toner, carta per fotocopiare e molto spesso costretti a rimboccare le maniche per pulire anche gli uffici. Musumeci piuttosto che portare avanti politiche demagogiche, come i predecessori, apra il confronto con le Organizzazioni sindacali per la riorganizzazione della macchina amministrativa e per un piano straordinario a favore dell'occupazione, seguendo il modello messo in campo in Campania e in Puglia” - concludono Agliozzo e Crocè.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa