Notizie locali
Pubblicità
Via D'Amelio, le motivazioni dell'ultima sentenza di condanna: ecco perché fu ucciso Borsellino

Palermo

Strage via D'Amelio, 777 mila euro ad 11 fratelli, eredi vittima di giustizia

Di Redazione

CATANIA - La Corte d’appello di Catania ha condannato lo Stato a pagare circa 777 mila euro agli undici fratelli eredi di Salvatore Tomaselli per «riparare l’errore giudiziario» consistito nella sua condanna a 8 anni, nel processo per la strage di via D’Amelio. All’attentato che costò la vita al giudice Paolo Borsellino e alla sua scorta lui era completamente estraneo, e morì tre anni dopo avere scontato la sentenza. Lo scrivono il Giornale di Sicilia e La Stampa.

Pubblicità


Secondo l’accusa, rivelatasi infondata, l’uomo avrebbe custodito in un proprio magazzino della Guadagna la 126 usata, secondo i falsi pentiti, come autobomba contro il giudice Paolo Borsellino e i cinque agenti della scorta, uccisi 26 anni fa. Invece Tomaselli non aveva fatto niente e Salvatore Candura, che lo aveva accusato, aveva mentito.


A Caltanissetta, dopo il suo decesso, nell’agosto 2011, è arrivata la sentenza Borsellino quater, che ha consacrato l’ estraneità degli ex imputati - sette avevano avuto l’ergastolo - alle contestazioni e successivamente la Corte d’appello di Catania aveva disposto la revisione del processo, cancellando le condanne. Ultimo atto, l’ordinanza su quella che tecnicamente si chiama proprio «riparazione», ricostruiscono i quotidiani, è stata emessa dalla terza sezione della Corte d’appello di Catania, presieduta da Carmela La Rosa.  

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA