Notizie locali
Corte dei conti condanna amministratore giudiziario: dovrà pagare 445 mila euro

Palermo

Corte dei conti condanna amministratore giudiziario: dovrà pagare 445 mila euro

Di Redazione

La sezione giurisdizionale della Corte dei Conti per la Regione Siciliana presieduta da Guido Carlino ha condannato l’amministratore giudiziario Luigi Turchio al pagamento di 445 mila euro: metà dei quali per il danno patrimoniale derivante dalla prescrizione delle indennità di occupazione, l’altra metà per danno da disservizio.

Pubblicità

A Turchio, che si è occupato dei beni confiscati all’imprenditore Pietro Lo Sicco, era stato notificato un atto di citazione in giudizio con cui erano stati chiesti 800 mila euro. Per non aver riscosso gli affitti di numerosi appartamenti e per aver causato un «danno da disservizio», secondo il procuratore generale Gianluca Albo, che sarebbe stato causato da quella che l’accusa definisce "l'inerzia» di un amministratore.

A Turchio viene contestato di non essere entrato in possesso di un importante patrimonio che doveva passare allo Stato. L’amministratore ha spiegato che quelle abitazioni erano occupate da inquilini che avevano già stipulato un preliminare di compravendita con Lo Sicco, ma le sue argomentazioni non hanno convinto la procura e i giudici.

«Con riferimento al convenuto, non ci sono dubbi in merito alla illiceità della condotta tenuta da Turchio - si legge nella sentenza - il quale ha causato grave inefficacia ed inefficienza dell’azione amministrativa, con inutile dispendio di risorse pubbliche». «Emblematici al riguardo, - afferma l’accusa - tra gli altri, l’aver lasciato una Ferrari all’imprenditore o aver consentito che i familiari dello stesso continuassero ad occupare gli immobili oggetto di confisca definitiva o, ancora, di aver atteso sei anni per procedere alla apposizione della formula esecutiva alla sentenza che condannava la figlia del Lo Sicco al pagamento delle indennità di occupazione». L’ammontare del danno è stato dimezzato dai giudici. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA