Notizie locali
Pubblicità
Coronavirus: commercianti protestano a Palermo contro Conte, interviene la polizia

Palermo

Coronavirus: commercianti protestano a Palermo contro Conte, interviene la polizia

Di Redazione

PALERMO - Oltre 200 tra commercianti, professionisti, parrucchieri, ristoratori, titolari di bar hanno aderito alla passeggiata di protesta contro il governo Conte, organizzata da Stefano Santoro in mattinata a piazza Croci. «I manifestanti - dice Santoro, già consigliere comunale a Palermo - hanno espresso tutta la loro disperazione per la sospensione delle attività e per i mancati aiuti da parte del governo nazionale, il quale invece di rifare contributi a fondo perduto, sta proponendo agli italiani di indebitarsi con le banche». Critiche anche nei confronti del sindaco Orlando.

Pubblicità

Santoro ha chiesto al presidente della Regione Nello Musumeci «di mostrare coraggio e disattendere il decreto aprile del presidente del consiglio Conte e di disporre con propria ordinanza, in virtù dello statuto siciliano, far aprire bar, ristoranti, parrucchieri, barbieri e negozi già dal 4 maggio, poiché un altro mese di chiusura causerà la scomparsa di tanti esercizi pubblici e commerciali».

La manifestazione è stata interrotta dalla Polizia, Santoro a tale riguardo ha sottolineato che «il 25 aprile le associazioni dei partigiani ideologicamente a sinistra, sono state libere di manifestare in piazza, mentre a coloro che rappresentano il tessuto commerciale e imprenditoriale e delle libere professioni a Palermo è stato inibito di manifestare liberamente il proprio dissenso».

Sostegno alla manifestazione è stato espresso dai consiglieri comunali della Lega di Palermo Igor Gelarda, Marianna Caronia, Alessandro Anello ed Elio Ficarra.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA