Notizie locali
Pubblicità

Palermo

Giovane donna affetta da grave sindrome salvata a Palermo

Di Redazione

PALERMO - Una donna di 30 anni, alla 28sima settimana di gravidanza è andata al pronto soccorso ostetrico dell’ospedale Buccheri La Ferla Fatebenefratelli per un distacco completo di placenta. E’ stata sottoposta ad un parto cesareo in emergenza. Il feto è morto. Dopo l’operazione, dice l'ospedale, la paziente ha presentato «rialzi pressori, disturbi visivi e un’alterazione dei valori ematochimici che configuravano una grave forma di gestosi (Hellp syndrome). Considerato il quadro clinico peggiorato gli specialisti del Buccheri hanno chiesto l’intervento pluri-specialistico del Centro di malattie rare dell’ospedale Civico, che è intervenuto (dott. Angelo Ferrantelli), e del laboratorio dell’AOUP di Palermo (dott.ssa Silvana Vitale) diagnosticando una sindrome emoliticouremica atipica (SEUa) che può portare alla morte.

Pubblicità

La paziente è stata salvata non è in pericolo di vita ed è nel reparto di terapia intensiva del Buccheri La Ferla. «Per la rarità del caso - dice il direttore sanitario dell’ospedale Buccheri La Ferla, Santi Mauro Gioè - si tratta di una vicenda «buona sanità» da attribuire all’alta professionalità e all’impegno profuso dal nostro team di Ostetricia e Ginecologia diretto dalla dott.ssa Maria Rosa D’Anna e di Anestesia e Rianimazione, diretto dal dott. Luciano Calderone, in sinergia e collaborazione con la UOC di Nefrologia dell’Arnas Civico con la quale si sono condivisi percorsi diagnostici e terapeutici e con il Policlinico di Palermo». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA