home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Parlamentarie M5s, solito caos e anche nell'Isola monta la rabbia degli esclusi

Ai consueti guai telematici della piattaforma, si aggiunge l'ira di attivisti storici e parlamentari uscenti che non si sono ritrovati nell’elenco dei votabili

Parlamentarie M5s, solito caos e anche nell'Isola monta la rabbia degli esclusi

Era prevedibile e alla fine è accaduto: il via alle parlamentarie del M5S, nella tornata elettorale in cui il Movimento parte quasi da favorito, coincide con una scia di rabbia che unisce, da Nord a Sud, gli esclusi dalla rosa. Attivisti storici, parlamentari uscenti, non si sono ritrovati nell’elenco dei votabili laddove - questa è l’accusa di diversi iscritti - figurano candidati che non avrebbero completato l’invio delle certificazioni. E poi, complice la folla di «votanti virtuali», c'è il caos telematico sul sistema Rousseau puntualmente segnalato dagli iscritti sul blog di Beppe Grillo.

Non a caso, lanciando la due giorni di parlamentarie, i vertici mettono in conto una proroga delle votazioni, dalle 10 alle 14 di giovedì. L’obiettivo è diffondere i risultati entro la fine della kermesse di Pescara che, nel weekend, vedrà riuniti per il «training» sul programma candidati vincenti, potenziali e chissà, anche bocciati.

E intanto, prende forma l'ira degli esclusi. «C'è stata una grossa scrematura» e in alcune Regioni si attende ancora l’arrivo dei certificati penali e sulle indagini a carico, spiegano i vertici M5S sottolineando come la selezione sia stata fatta non solo sui curricula ma anche sui contenuti di post e dichiarazioni: «Un No-Vax, ad esempio, noi non lo candidiamo», si spiega.

Eppure, in tanti protestano. «Le parlamentarie sono un caos», sottolinea il pugliese Alberto Siculella. Nel palermitano Daniela Morfino, attivista da 9 anni, sbotta: «Sono stata esclusa dalle liste senza motivo, forse pesto i piedi?». Mentre a Roma un escluso eccellente è l’ex assessore al Bilancio Andrea Mazzillo che si dice «molto dispiaciuto» e in attesa di chiarimenti. Sempre in Puglia il deputato Chiariello (lontano dall’ala «dimaiana") accusa i vertici di averlo escluso «per una condanna politica e estinta, di cui il gruppo parlamentare era a conoscenza». Mentre su twitter monta, in serata, l’hashtag "#annullatetutto».

«Tutto previsto», è la reazione dello staff M5S consapevole che, rispetto alle parlamentarie del 2013, molto è cambiato nell’universo a 5 Stelle. E, non a caso, Di Maio parla di «100 parlamentari uscenti» riconfermabili e di «un gruppo da ricreare per il quale abbiamo detto alle migliori menti di farsi avanti». Criterio, questo, che sarà usato anche per i collegi uninominali e per la squadra di governo. «Al Tesoro dovrà andare una persona nota agli investitori internazionali», spiega, aprendo a un ministro non pentastellato: «Miriamo a coinvolgere persone che sono del M5S ma non lo sanno».

A Pescara, poi, toccherà tirare le fila su programmi e candidati. Con l’incognita della presenza di Beppe Grillo, che il 22 gennaio dovrebbe ufficializzare la separazione del suo blog dal M55. «Grillo c'è, farà la campagna elettorale», assicura Di Maio.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa