home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Sanità, M5S su assunzioni in Sicilia: «Razza erede di Gucciardi?»

I deputati grillini della Commissione Sanità all'Ars scettici su stabilizzazione e nuovi concorsi. «Senza rete ospedaliera non ci possono essere assunzioni»

Sanità, M5S su assunzioni in Sicilia: «Razza erede di Gucciardi?»

Palermo - "Apertura del San Marco a Catania e sblocco delle assunzioni in sanità. Riparte la campagna elettorale ovviamente sempre sulla pelle dei cittadini. Cosa è cambiato rispetto all’era Crocetta?". Lo dicono i deputati M5S della commissione Sanità dell’Assemblea regionale siciliana, Francesco Cappello, Antonio De Luca, Giorgio Pasqua e Salvatore Siragusa, aggiungendo: "Dopo sei anni, tre assessori alla Sanità e ben due governi siamo davvero stanchi del ripetersi costante e immutato dello stesso identico mantra. Razza erede di Gucciardi? Musumeci successore di Crocetta? Al momento, dato il ripetersi degli annunci nella stessa sequenza temporale, la risposta non può che essere positiva".


"Senza rete ospedaliera non ci possono essere assunzioni, questo l'assessore dovrebbe saperlo bene - dice Cappello -. Al limite, nella migliore delle ipotesi, si potrà fare solo qualche stabilizzazione e non è dato nemmeno capire quando, mentre per i concorsi rimane tutto in alto mare. La sanità - prosegue il deputato - esige risposte immediate e non proclami sensazionalistici a cui nessuno crede più. Si ponga rimedio, immediatamente, nell’area della emergenza urgenza attraverso assunzioni mirate a colmare le enormi falle create dalla endemica carenza di personale nei pronto soccorso - conclude il pentastellato -, senza attendere oltre e senza attendere la rimodulazione della rete ospedaliera o sarà il collasso per i pazienti, i medici e gli infermieri".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 2
  • Urologo

    06 Giugno 2018 - 21:09

    Si parla di rete ospedaliera, in emilia esiste la rete da piu di 20 anni. Credo che sarebbe meglio parlare di abbattimento delle liste di attesa e miglioramento della qualità delle prestazioni che si può ottenere con assunzioni e meritocrazia che non esiste infatti abbiamo fughe di pazienti per curarsi al nord e anche dei migliori medici che vano a lavorare al nord. Per cambiare questa tendenza bisogna evitare gli sprechi ed assumere professionisti validi che hanno voglia di lavorare. Per la sanità siciliana ci sono spese enormi e servizi non paragonabili alla sanità del nord dove lwcspese sono più contenute. Lo dice un medico è stato costretto ad emigrare a causa dei baroni.

    Rispondi

  • Urologo

    06 Giugno 2018 - 21:09

    Vvvvv

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa