home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Ex Province, annuncio di Musumeci: «A dicembre ci saranno le elezioni»

Ma sarà un voto di secondo livello. Il presidente della Regione: «Gestione commissariale non più tollerabile»

Ex Province, l'annuncio di Musumeci: «A dicembre ci saranno le elezioni»

«Le ex province andranno al voto entro la fine dell’anno con elezioni di secondo livello. Le gestioni commissariali che si protraggono da troppo tempo non sono più tollerabili».

L’ha detto il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci parlando con i giornalisti a margine dell’inaugurazione della bretella di collegamento per l'aeroporto di Comiso.

«Le Province devono tornare a gestire servizi - ha aggiunto Musumeci - ed essere enti di coordinamento dei comuni. Pensiamo alle Province per i servizi turistici, per la motorizzazione e per l’edilizia popolare».

«Faremo votare entro dicembre nelle Province, ma purtroppo non se ne accorgerà nessuno - ha aggiunto Musumeci - voteranno soltanto gli eletti, il popolo resterà a casa. Alla faccia della democrazia».

«Gli effetti della demonizzazione delle Province - ha sottolineato il governatore - si vedono: le strade provinciali sono quasi tutte chiuse e quelle aperte sono un pericolo, le scuole hanno quasi tutte problemi di agibilità, alle Province serve un presidente eletto dai cittadini. La legge Delrio - ha concluso Musumeci - è un fallimento, è stato confiscato il diritto alla Sicilia di organizzare gli enti. Bisogna modificarla, speriamo ora che il governo nazionale sappia farlo».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 3
  • ASTOLFO

    10 Ottobre 2018 - 18:06

    Non vedo l'ora. Non so come ho fatto a resistere senza Province. Fate presto, non ce la faccio più!

    Rispondi

  • Rascal

    11 Ottobre 2018 - 15:03

    Fu un grosso errore eliminarle senza una valida alternativa istituzionale e giuridica. E' necessario un Ente intermedio fra comuni e Regione così come nel coordinamento delle attività intercomunali. Bisogna però che si legiferi presto per rideterminare ruoli, compiti, personale e capacità di intervento altrimenti sarebbe un carrozzone.

    Rispondi

    • ASTOLFO

      11 Ottobre 2018 - 18:06

      Come si fa ad illudersi che non siano soltanto degli ignobili carrozzoni? Pensate quale carrozzone sia la Regione, che è da cinquant'anni il vero ostacolo ad ogni possibile sviluppo economico-sociale. Tutte le istituzioni qui sono soltanto bande pseudopolitiche dedite soltanto alla predazione di beni pubblici e risorse finanziarie ad uso dei cacicchi locali e delle loro insaziabili clientele.

      Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa