home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Grandi opere, Salvini rilancia. E il Sud torna a bussare per il Ponte sullo Stretto

Il vicepremier dice che le infrastrutture cominciate vanno portate a termine. Tecnicamente, anche l'attraversamento tra Sicilia e Calabria è già stato avviato. E arrivano gli appelli anche dalla Regione

Grandi opere, Salvini rilancia. E  il Sud torna bussare per il Ponte sullo Stretto

ROMA - Tap, Tav, passanti ferroviari, strade, ferrovie, ponti. L'incertezza sulla grandi opere portata in Italia dall'ascesa dei Cinque Stelle, spesso contrari alla costruzione di infrastrutture che non ritengono importanti, viene spazzata via dalle parole di Salvini, che in una intervista oggi c on il Messaggero e il Mattino, dice a chiare lettere che «le grandi opere cominciate vanno ultimate».

Sulla Tav - dice il vicepremier - «vedremo quando arriva la relazione tecnica sui costi-benefici, e a quel punto si deciderà. Bisogna fare le cose per bene, senza forzature e con cognizione di causa. Non vedo perché precipitare tutto. A gennaio potrebbe esserci la relazione, vediamo». Però, «sulle grandi opere non si torna indietro». Salvini si è detto «molto impressionato dalla manifestazione di Torino. C'è un Paese che sembra pronto alle grandi sfide. E questo mi fa piacere».

«Vanno portate a termine tutte le grandi opere cominciate. Vedo che gli amici 5 stelle vogliono fermare la Pedemontana, ma sarebbe un’assurdità», dichiara Salvini. «Il 4 dicembre aprono i primi dieci chilometri di questa infrastruttura cruciale. E dovremmo dire no grazie, smantelliamo tutto? La stessa cosa vale per il Mose di Venezia. Manca soltanto il 5% per terminare l'opera e dovremmo smontare le dighe? Suvvia. E sul Tap, sull'Ilva, sul Terzo Valico, sul Brennero: occorre costruire e finire di costruire senza lasciare le cose per aria. Ne va della credibilità di un Paese, oltre che della vita pratica dei suoi cittadini. Non si può vivere dove è bloccato tutto».

Parole chiare che hanno riacceso le speranze del Sud per il Ponte sullo Stretto.  «Chiedo a Salvini di completare la grande opera per il Sud che porta con se anche l’Alta velocità ferroviaria per il Sud, ovvero, il Ponte sullo Stretto», ha detto il senatore di Forza Italia Marco Siclari.

«Per questo progetto - prosegue Siclari - è già stato speso circa un miliardo e, adesso, realizzarlo costerebbe allo Stato un altro miliardo, le stesse risorse che si pagherebbe in penali per non averlo fatto, considerando che il resto dei costi è in project financing. La Lega già nel 2001 era d’accordo perché nella Legge Obiettivo voluta dal Governo Berlusconi, ha approvato il finanziamento di questa importante grande opera dai benefici enormi rispetto ai costi».

«Cosa vuole fare oggi la Lega con questa importante grande opera - sostiene ancora il parlamentare forzista - che rafforza territori con 9 milioni di cittadini, il 15% della popolazione italiana? Per noi del Sud, la non realizzazione ha portato all’isolamento e alla disoccupazione giovanile al 70%».

Ma anche la Regione Siciliana si fa avanti. «Il governo Musumeci sarà in prima linea nel ribadire la necessità improcrastinabile e strategica della costruzione del Ponte sullo Stretto di Messina» ha affermato l’assessore regionale delle Infrastrutture, Marco Falcone, accogliendo l’invito giunto dalla Rete civica delle Infrastrutture per il Mezzogiorno. L’associazione ha promosso a Palazzo Zanca il forum «Ponte: sviluppo e lavoro», programmando per il prossimo 19 gennaio 2019 un incontro con il sottosegretario alle Infrastrutture Armando Siri, alla presenza anche del governo regionale. «Saremo presenti - ha proseguito Falcone - per porre ancor di più il governo nazionale davanti a un bivio: puntare finalmente sugli investimenti infrastrutturali a Sud e in Sicilia, abbandonando i diktat dell’ideologia, oppure lasciare la nostra isola a un destino di arretratezza e ancor maggiore isolamento».

Per l’esponente del governo Musumeci non c'è più tempo da perdere: «Lo Stato deve dirci chiaramente cosa vuole fare, non solo sul tema Ponte, ma anche sul resto delle opere pubbliche cruciali per la Sicilia come la Ragusa-Catania e il completamento della Siracusa-Gela. Ho già ribadito in più sedi - spiega ancora l’assessore Falcone - che la Regione, qualora fosse necessario, è pronta a fare la sua parte cofinanziando ulteriormente entrambe le arterie nell’auspicio, però, che lo Stato non rimanga indifferente al completamento della infrastrutturazione siciliana. Nei prossimi giorni - conclude Falcone - chiederemo un incontro con il ministro Danilo Toninelli per comprendere concretamente le volontà del Governo nazionale». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 6
  • Mirko

    12 Novembre 2018 - 14:02

    Cari dementi siciliani, lo sapete che con l’equivalente dei soldi del ponte dello stretto potremmo sistemare tutte le strade, depuratori e acquedotti della Sicilia? A noi siculi non serve il ponte, serve agli amici polentoni per non fare la fila a Villa S.Giovanni. Dopo tutti i disastri che queste alluvioni hanno compiuto avete bisogno di altre prove? E il governatore Musumeci che pensa? Che il ponte sia un opera strategica per il popolo che lui rappresenta? Ma per favore. Siamo degli asini!!!!!

    Rispondi

    • cesaregiorgianni

      12 Novembre 2018 - 17:05

      Caro Mirko, conosco solo un siciliano "demente"...

      Rispondi

  • pbellissima

    12 Novembre 2018 - 19:07

    I ponte non serve per gli asini ovviamente, ma per i treni, gli autocarri, le automobili per i turisti, per dare lavoro e non elemosine e per i Siciliani che vogliono uscire dalla Sicilia e ritornare velocemente.

    Rispondi

Mostra più commenti

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa