home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Sanità, la Regione Sicilia dà il via libera ai nuovi manager: ecco promossi e "trombati"

Mancano ancora i dirigenti dei tre Policlinici universitari. Il criterio seguito dal governo è stato quello di non riconfermare nei propri ruoli coloro che erano stati designati dal precedente governo

Sanità, la Regione dà il via libera ai nuovi manager: ecco promossi e "trombati"

CATANIA - C'era attesa per la nomina dei nuovi manager della Sanità siciliana e c'erano state anche polemiche per i presunti ritardi della Regione siciliana. Ma finalmente la lista è pronta anche se ancora parzialmente incompleta. Nella Giunta regionale di questa sera - convocata d'urgenza dal governatore Nello Musumeci, sono state infatti ratificate le nomine dei nuovi direttori sanitari a capo delle Asp e degli ospedali dell'isola, ma su alcuni nomi non sarebbe ancora stato trovato l'accordo politico. Ma la lista comunque c'è ed è anche frutto del lavoro dell'assessore alla Sanità, Ruggero Razza. Ecco chi sono i nuovi manager.

AZIENDE SANITARIE

Asp di Palermo: Daniela Faraoni.

Asp di Catania: Maurizio Lanza. 

Aspe di Messina: Paolo La Paglia.

Asp di Agrigento: Giorgio Santonocito.

Asp di Caltanissetta: Alessandro Caltagirone

Asp di Enna: Francesco Iudica.

Asp di Siracusa: Lucio Salvatore Ficarra.

Asp di Ragusa: Angelo Aliquò.

Asp di Trapani: Fabio Damiani.

OSPEDALI

Arnas Civico di Palermo: Roberto Colletti

Villa Sofia-Cervello di Palermo: Walter Messina

Cannizzaro di Catania: Salvatore Giuffrida

Garibaldi di Catania: Fabio De Nicola

Papardo di Messina: Mario Paino

Irccs Bonino Pulejo di Messina: Vincenzo Barone

Non c'è stato invece ancora accordo come detto sui nomi dei policlinici di Palermo, Catania e Messina.  La designazione relativa ai vertici dei tre Policlinici universitari è stata differita alla conclusione del procedimento di intesa con i rettori degli atenei siciliani interessati.

Il criterio seguito dal governo è stato quello di non riconfermare nei propri ruoli coloro che erano stati designati dal precedente governo. Un criterio che a Catania ha significato una rivoluzione. Cominciamo con l’azienda Garibaldi. L’Arnas che sino a poche ore fa è stata guidata dal commissario Giorgio Santonocito, sarà da oggi diretta dall’ex commissario del Policlinico ed ex direttore generale dell’Asp di Trapani, Fabrizio de Nicola. Santonocito che sino a ieri sperava in una sua riconferma in una delle aziende più grandi dell’isola andrà invece a dirigere l’Asp di Agrigento. Ce l’ha fatta invece il direttore sanitario del Cannizzaro, Salvatore Giuffrida che è stato nominato manager della stessa azienda in una sorta di continuità dirigenziale. Va detto che il manager facente funzione uscente del Cannizzaro, Rosaria D’Ippolito, al contrario, pur essendo stata inserita nell’elenco degli idonei, in un secondo tempo non ha partecipato ai colloqui della commissione nominata dall’assessore Razza ed è andata in pensione soltanto da pochi giorni.

All’Asp di Catania va, invece, Maurizio Lanza. Si tratta dell’attuale direttore amministrativo dell’Asp di Enna, ma con un lungo passato quale direttore generale del Comune di Catania durante i cinque anni di sindacatura Stancanelli. Anche Santonocito ha un passato in quella sindacatura per essere stato Ragioniere generale del Comune ai tempi del varo del primo piano di rientro del Comune, quello oggi contestato dell’ex sindaco Enzo Bianco. Tra i catanesi nominati c’è anche Daniela Faraoni, nominata all’Asp di Palermo dopo essere stata fino a ieri direttore amministrativo dell’Asp di Caltanisseta e prima ancora direttore sempre amministrativo all’azienda sanitaria provinciale di Catania.

La Giunta regionale come detto si è per il momento riservata le nomine dei Policlinici di Catania, Palermo e Messina. Sembra che a Catania la mancata nomina sia dettata da una divergenza di vedute tra le scelte del rettore, prof. Francesco Basile, e quelle della giunta regionale.

Da indiscrezioni, sembra che l’attuale manager facente funzione, Giampiero Bonaccorsi, abbia subìto uno stop per non meglio precisati problemi di idoneità del curriculum per la nomina. Il suo posto, allo stato attuale, potrebbe essere insidiato da altri due nomi forti della “short list” regionale, quelli del sino a ieri manager dell’Asp di Messina, Gaetano Sirna, che a Catania ha in passato diretto l’Asp e del manager uscente sempre dell’Asp Catania, Giuseppe Giammanco che, al momento dei colloqui, non è risultato iscritto nella lista degli idonei per la riconferma all’Asp, ma al Policlinico.

Quindi, secondo le voci che si rincorrono in ambienti medici, la nomina del nuovo manager dell’azienda universitaria di Catania potrebbe essere fatta questi aspiranti. Saranno i prossimi giorni a dire se le scelte per il Policlinico scaturiranno come sembra da un accordo col Rettore.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa