home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Centinaio: «Più cani che cristiani
in una località turistica in Sicilia»

Il ministro, intervenendo a Palermo ad un convegno di Sicindustria, non fa il nome della località in cui è stato, ma ne contesta la gestione locale del turismo: « L’immondizia veniva raccolta, in pieno Ferragosto, una volta a settimana»

Centinaio: «Più cani che cristianiin una località turistica in Sicilia»

PALERMO - «Sono stato in una località turistica in Sicilia dove c'erano più cani randagi che cristiani, e dove l’immondizia veniva raccolta, in pieno Ferragosto, una volta a settimana. Ecco, non porterei nemmeno un operatore turistico in quella località». Lo ha detto il ministro per le Politiche agricole e del Turismo, Gian Marco Centinaio, in un convegno di Sicindustria, a Palermo, parlando di turismo e delle difficoltà del settore.«La Sicilia - ha quindi aggiunto - l’ho girata tutta, o quasi. Ci sono strade da terzo mondo, questo lo dico al governo».

E ancora: «La Sicilia - ha proseguito Centinaio - dovrebbe puntare sulla diversificazione, sulla destagionalizzazione che le permetterebbe di vivere di turismo undici mesi all'anno. L’Isola ha delle potenzialità inespresse: il mare, la montagna, l’enogastronomia, la cultura e la storia. E’ necessario fare sistema, spendere bene i fondi europei che ci sono e le opportunità che sono in campo».

Per l’esponente del governo gialloverde «ci sono tante opportunità che in questo momento la Sicilia non sta cogliendo, perdendo un treno che non passa tutti gli anni». La colpa? «Non è dei siciliani, ma di tutti noi che non facciamo sistema, che non ci promuoviamo nel migliore dei modi e non abbiamo avuto la lungimiranza di capire che altri Stati si sono attrezzati meglio di noi e stanno dando ai turisti quelle risposte che noi non riusciamo a dare. La Sicilia - ha concluso il ministro - è al centro del Mediterraneo, potrebbe diventare l’hub di tutti i croceristi, invece l’hub è la Spagna».

Ai cronisti che gli hanno chiesto quale fosse la località in Sicilia con «più cani randagi che cristiani», il ministro Centinaio ha risposto: «Ovunque sono andato... è una roba... ovunque mi dicevano ci sono cani randagi... ci sono cani randagi. Io questa estate sono andato da Licata fino a Favignana». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • concy63

    05 Dicembre 2018 - 08:08

    Ma perché Marzamemi tanto decantata al pari di Taormina, un immondezzaio in mezzo la campagna! La puzza di fogna sul lungomare! Nauseabonda.Quest'ultimo con delle orribili bancarelle che chiudono la visuale del lungomare e a ridosso dei bei negozi che ci sono! Tutto concentrato in pochissimo spazio! Compresi i parcheggi a pagamento! Con tutto lo spazio che hanno a disposizione nella compagna circostante. Case abusive! Un guazzabuglio! Dice che appartiene al Comune di Noto! Ma che modo è di amministrare! Vergogna!

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa