home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Regione, Finanziaria affossata da sei “franchi tiratori”

Bocciata la norma che spalma il disavanzo di 544 milioni nel triennio. Micciché ai parlamnentari: «Siate responsabili altrimenti fuori di qui la gente ci ammazza»

Regione, Finanziaria affossata da sei “franchi tiratori”

Con l’esercizio provvisorio scaduto a fine gennaio, la brusca frenata sulla legge di stabilità dopo che l’Assemblea ha bocciato la norma che spalma un disavanzo di 544 milioni nel triennio mandando in ambasce il governo Musumeci, la Regione siciliana da quasi due settimane si trova in gestione provvisoria: dunque con l'autorizzazione solo al pagamento delle spese obbligatorie. Una sorta di «shutdown», come l’ha definito il Pd.

Dopo la bocciatura della norma sul disavanzo, perno della manovra, il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè, ha richiamato alla responsabilità tutto il Parlamento siciliano: «Dobbiamo trovare una soluzione, i siciliani aspettano risposte altrimenti appena usciamo da qui ci ammazzano». Ma la soluzione, almeno oggi, non è stata ancora trovata dal governo impegnato nell’exit strategy. Ad affossare la norma sul disavanzo sono stati sei franchi tiratori della maggioranza di centrodestra: 36 voti contrari e 29 quelli a favore.
La seduta parlamentare per l’esame della manovra è stata rinviata a domani pomeriggio, per la Sicilia altre 24 ore di "shutdown».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

Qua la zampa

GOSSIP