Notizie locali
Pubblicità

Politica

Regione, chi è il nuovo assessore alla Famiglia del governo Musumeci

Di Redazione

PALERMO - Antonio Scavone è il nuovo assessore regionale alla Famiglia, alle Politiche sociali e al Lavoro. Lo ha nominato oggi il governatore della Sicilia Nello Musumeci, dopo avere accolto le dimissioni di Mariella Ippolito. Scavone, 62 anni, radiologo, è attualmente direttore medico e capo Dipartimento di radiologia all’ospedale Garibaldi di Catania.

Pubblicità

Da oltre 25 anni è ai vertici della professione medica nel settore della Sanità pubblica e dal 2005 al 2009 ha ricoperto l’incarico di direttore generale dell’Usl 3 di Catania. Il neo assessore è stato deputato e senatore della Repubblica. E’ stato infatti dirigente di primo piano del Partito dei Siciliani-Mpa, e fu eletto senatore eletto nelle file del Pdl grazie al cosidetto “diritto di tribuna”. E’ stato anche candidato sindaco di Catania nel 1993. Parlamentare dal 1992 al 1994 della Democrazia cristiana. Nel 2003, quando Raffaele Lombardo viene eletto presidente della Provincia di Catania, Scavone riceve la delega al Personale del Comune di Catania ed entra nella giunta di centrodestra guidata da Umberto Scapagnini. È stato vicepresidente dell’ordine dei medici per diversi anni. Direttore generale dal 2005 al 2008 dell’Ausl 3 di Catania.

«Scavone - evidenzia il presidente Musumeci - porta con sé una solida esperienza parlamentare che sarà di prezioso ausilio nel suo futuro ruolo di Governo. Gli auguro davvero buon lavoro, così come voglio ringraziare Mariella Ippolito per il contributo appassionato che ha saputo dare con la sua presenza in Giunta».

«Ringrazio il presidente Musumeci - sottolinea il neo assessore - per la fiducia accordatami, tra l’altro in un settore di vitale importanza per una regione come la Sicilia. Considero le Politiche sociali e del lavoro un assessorato cerniera con tutti gli altri rami dell’amministrazione e sarà mia cura mettere l'esperienza maturata al servizio della comunità siciliana».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA