Notizie locali
Pubblicità
Regione Sicilia, prorogati gli incarichi dei direttori generali

Politica

Regione, Legge di Stabilità ostaggio dei franchi tiratori. Musumeci: «Ascari nella maggioranza»

Di Redazione

Prosegue a piccoli passi e con molti intoppi (maggioranza sotto più volte) l'esame della Legge di Stabilità all'Ars. Alle rimostranze di alcuni deputati di maggioranza, compresi alcuni di Forza Italia, che hanno insistito per votare alcune delle norme residue della manovra, Miccichè ha risposto: «Non mi possono permettere di fare bocciare tutto, tutto continuerà a essere bocciato nel pomeriggio com'è avvenuto stamattina, tutto sarà bocciato domani. Io ora metto in votazione le tabelle, che se vengono bocciate salta tutta la finanziaria. Io sto parlando alla maggioranza di quest’aula. Se dico che è meglio fermarci e non votare altro, mi dovete credere. Poi alla fine dell’aula parlerò con alcuni di voi». Sono dieci gli articoli, contenenti una serie di norme, che la Presidenza dell’Ars ha stralciato. Sul fronte delle opposizioni, Pd e M5s hanno assicurato il voto alle tabelle, per non fare crollare l’intera manovra.

Pubblicità

«Vi supplico, non aprite dibattiti - ha detto Miccichè - Votiamo questa finanziaria, sta diventando uno strazio: altrimenti sospendo e rinvio a domani».

«Norme bocciate della finanziaria? Ci sono ascari nella maggioranza» ha commentato il presidente della Sicilia, Nello Musumeci, prendendo la parola nel Parlamento siciliano, prendendo atto della decisione del presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè, che ha deciso di stralciare dalla finanziaria gli ultimi dieci articoli dopo che stamani alcune norme sono state bocciato col voto segreto, col governo battuto più volte. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA