home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Revoca dell'arresto dell'ex sindaco di Vittoria, Cassazione respinge ricorso dei pm

Giuseppe Nicosia e suo fratello Fabio, allora consigliere comunale poi dimessosi dalla carica, furono arrestati nell’ambito dell’operazione 'Exit poll' il 21 settembre scorso

Stabilizzarono 4 componenti dello staff, assolti ex sindaco di Vittoria ed ex assessori

L'ex sindaco di Vittoria, Giuseppe Nicosia

VITTORIA - La Cassazione ha rigettato il ricorso proposto dalla procura distrettuale antimafia di Catania avverso l’ordinanza del Tribunale del Riesame di revoca degli arresti per l’ex sindaco di Vittoria, Giuseppe Nicosia, e suo fratello Fabio, all’epoca dei fatti consigliere comunale del Pd.

«Gli arresti - scrive l’ex sindaco di Vittoria - per me e mio fratello - vittime di un clamoroso errore giudiziario che, a maggior ragione dopo il pronunciamento da parte della più alta corte di giustizia ha l’amaro sapore del sopruso - sono stati illegittimamente spiccati e non dovevano mai esistere. Le ipotesi accusatorie del 21 settembre con l’annullamento giudiziario passato in giudicato non esistono e non hanno più alcuna vita propria. Giuridicamente, invece, il procedimento versa ancora nella fase delle indagini preliminari, contravvenendo a qualunque ordinario svolgimento dei termini previsti dal codice di rito».


L’ex sindaco di Vittoria Giuseppe Nicosia e suo fratello Fabio, allora consigliere comunale poi dimessosi dalla carica, furono arrestati nell’ambito dell’operazione 'Exit poll' il 21 settembre scorso con l’accusa di scambio elettorale politico-mafioso in relazione alle elezioni amministrative del 2016 del comune di Vittoria (Ragusa).

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa