home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Chi controlla il controllore? A Modica rimosso segretario del Comune

E' stata un'inchiesta di Milena Gabanelli a scoprire e a segnalare che Giampiero Bella, a capo anche dell'Anticorruzione all'interno dell'ente, è stato rinviato a giudizio per abuso d'ufficio aggravato continuato e falsità ideologica

Chi controlla il controllore? A Modica rimosso segretario del Comune

Giampiero Bella, segretario generale Comune di Modica

Modica (Ragusa) - La "scoperta" l'ha fatta Milena Gabanelli che su "Dataroom" del Corriere della Sera aveva pubblicato un'inchiesta per spiegare come funziona l' Autorità Nazionale Anticorruzione, ma soprattutto aveva elencato tutti quei funzionari di enti locali che, pur essendo preposti al ruolo di responsabile del delicato organismo per l'ente di competenza, non avevano in realtà le "carte in regola" per ricoprire quell'incarico. Tra i 20 dipendenti, quasi tutti segretari generali, "intercettati" dall'inchiesta del Corsera, figura anche Giampiero Bella, segretario comunale di Modica, già colpito da un rinvio a giudizio per abuso d'ufficio aggravato continuato e falsità ideologica, ma al tempo stesso responsabile dell'Anticorruzione del Comune di Modica.

Dopo la segnalazione giornalistica, il sindaco di Modica Ignazio Abbate ha deciso ha deciso di rimuoverlo: «Mi spiace perchè è un professionista bravo e serio, ma in quanto sindaco devo tutelare l'immagine della città». Bella continuerà a rivestire l'incarico di massimo vertice amministrativo del Comune ragusano ma non più quello di "vigilantes" della corruzione. La vicenda che lo vede coinvolto risale al 2013, epoca in cui era segretario al Comune di Ispica; si tratta di una vicenda legata a questioni di bilancio e a delle richieste di anticipazioni di liquidità.

Il servizio della Gabanelli, ricorda che nella Pubblica Amministrazione si verifica una media di oltre 1.500 casi di corruzione ogni anno, con 818 sentenze definitive di condanna nel solo 2016 per peculato, indebita percezione di erogazioni pubbliche a danno dello Stato, corruzione in atti giudiziari, d’ufficio, concussione. "Eppure 3 enti su 4 - come riportato dalla giornalista - non hanno mai stato segnalato alcun caso di corruzione". 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • ASTOLFO

    19 Ottobre 2018 - 00:12

    La Gabanelli lo ha scoperto, ma le cronache locali non ne hanno mai parlato. Di che cosa si occupano i giornalisti locali, dello sbarco sulla luna?

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa