Notizie locali
Pubblicità

Salute

Bimbo morto per morbillo a Catania, Ministero Salute monitora territorio

Di Redazione

ROMA - A seguito del decesso di un bimbo di 10 mesi per complicanze da morbillo, su direttiva del Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, la Direzione generale della Prevenzione sanitaria del ministero e l’Istituto Superiore di Sanità, «stanno svolgendo una intensa attività di monitoraggio dei fatti accaduti e della situazione sanitaria del territorio interessato, in stretto raccordo con le autorità regionali e locali». Lo rende noto il ministero della Salute.

Pubblicità


«Anche al fine di mettere a punto eventuali misure specifiche di intervento, il ministro Lorenzin - si legge in una nota - ha sentito nel pomeriggio, tra gli altri, l’assessore regionale alla Sanità, Ruggero Razza e il sindaco di Catania, Enzo Bianco. Tutti i soggetti istituzionali coinvolti hanno convenuto sulla necessità di ribadire l’importanza della vaccinazione, per raggiungere l’immunità di gregge, unica arma contro una malattia che può avere purtroppo esiti mortali». 

E il sindaco di Catania Enzo Bianco, sentiti il ministro della Salute Beatrice Lorenzin e l’assessore regionale alla Sanità Ruggero Razza, convocherà la settimana prossima nel Palazzo degli elefanti, una Conferenza dei direttori generali delle aziende sanitarie cittadine per analizzare la situazione sul tema delle vaccinazioni dopo delle morti conseguenza del morbillo. Nella riunione, alla presenza dell’assessore Razza, si parlerà, inoltre, dell’apertura dell’ospedale San Marco a Librino. Il sindaco ha «preso atto che la percentuale delle vaccinazioni nella nostra città, secondo quanto comunicato dall’Asp, è superiore alla media nazionale» e «nella sua qualità di massima autorità cittadina per la Sanità, ha deciso di promuovere l’incontro». Alla riunione prenderanno parte, oltre all’assessore Razza, il rettore Francesco Basile, i direttori generali dell’Asp Giuseppe Giammanco, del Policlinico-Vittorio Emanuele Paolo Cantaro, dell’Arnas Garibaldi Giorgio Santonocito e del Cannizzaro Angelo Pellicanò. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: