home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Farmaci: dal peperoncino una nuova pillola anti-obesità

Contiene capsaicina, la sostanza che lo rende piccante, e funziona nei topi

Farmaci: dal peperoncino una nuova pillola anti-obesità

Milano, 17 lug. (AdnKronos Salute) - Una nuova piccante promessa contro l'obesità. Un farmaco sperimentale a base di capsaicina, il composto che conferisce al peperoncino il suo caratteristico sapore 'hot', è riuscito a produrre un calo di peso significativo e persistente e un miglioramento della salute metabolica in topi alimentati con una dieta grassa. Il medicinale si chiama Metabocin*, è in formato pillola e i suoi risultati sono stati presentati questa settimana a Bonita Springs, in Florida, durante il meeting annuale della Società per lo studio del comportamento alimentare (Society for the Study of Ingestive Behavior, Ssib). A capo dello studio Baskaran Thyagarajan, della Scuola di farmacia dell'università del Wyoming negli Usa.

Il farmaco - spiegano i ricercatori - è stato disegnato per rilasciare lentamente il suo principio attivo nel corso del giorno, così da svolgere la sua azione dimagrante senza causare infiammazione o altri effetti collaterali. Il prodotto è stato sviluppato in modo da bersagliare i recettori Trpv1, particolarmente abbondanti nell'adipe. L'idea è che, accendendo questi 'interruttori molecolari', le cellule del grasso bianco inizino a bruciare energia invece di immagazzinarla, meccanismo che in teoria determina una perdita di peso. Nei roditori protagonisti dell'esperimento ha funzionato: sottoposti alla terapia per 8 mesi, le 'cavie' sono dimagrite e per adesso hanno mantenuto il calo ponderale apparentemente senza eventi avversi. Ricerche ulteriori sono in corso e dovranno confermarlo.

"Nei topi il farmaco si è dimostrato efficace e ben tollerato", riferisce Thyagarajan. Inoltre, aggiunge, "abbiamo osservato marcati miglioramenti nei livelli di zucchero e di colesterolo nel sangue, nella risposta all'insulina e nei sintomi di malattia del fegato grasso". Secondo lo scienziato, "lo sviluppo di Metabocin quale potente trattamento anti-obesità rappresenta una promessa come parte di una robusta strategia terapeutica" che ovviamente deve cominciare dall'adozione di un corretto stile di vita: dieta sana e attività fisica costante.

Gli autori ricordano che una persona su tre nel mondo è sovrappeso oppure obesa, e che l'obesità costituisce un crescente problema di salute pubblica perché associata a diabete di tipo 2, ipertensione, aterosclerosi e patologie cardiache. "Continuare a perseguire opzioni mediche efficaci a lungo termine per contrastare l'obesità e i suoi effetti metabolici" è l'invito dei ricercatori. Che concludono con un avvertimento doveroso: benché il peperoncino, la spezia più amata dagli italiani, vanti diversi effetti benefici dimostrati, "mangiare più piccante non servirebbe" a far scendere l'ago della bilancia. "La maggior parte della capsaicina contenuta negli alimenti non viene bene assorbita dall'organismo, quindi non produrrebbe un effetto dimagrante". Quella inserita nella nuova pillola, invece, è stata modificata ad hoc per essere assorbita, rilasciata progressivamente e ridurre i chili di troppo.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa