home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Ricerca: volpi aggressive o amichevoli con l'uomo, ecco i geni chiave

Ricerca: volpi aggressive o amichevoli con l'uomo, ecco i geni chiave

Roma, 6 ago. (AdnKronos Salute) - Volpi aggressive o invece amichevoli come Red, il protagonista del cartoon Disney? A fare la differenza sono alcuni geni, che possono essere associati a comportamenti mansueti o aggressivi nelle volpi rosse, e non solo. A svelarlo sono i ricercatori dell'University of Illinois a Urbana (Usa) e dell'University of Copenhagen (Danimarca), in uno studio su 'Nature Ecology & Evolution'. Studiare la volpe rossa può aiutare a far luce sulle basi genetiche del comportamento sociale e sui disturbi comportamentali umani, spiegano infatti i ricercatori.

La storia di Red (che aveva scelto il cane Toby come miglior amico) non è solo frutto della fantasia: le volpi rosse sono state allevate con successo in cattività per oltre un secolo e si sono adattate all'ambiente agricolo. A differenza dei loro 'cugini' cani, tuttavia, le volpi in cattività generalmente mostrano paura o aggressività verso gli umani. A partire dagli anni '60, un programma per sperimentare l'addomesticamento delle volpi allevate in fattoria produsse un ceppo domestico di volpi, selezionato per essere più amichevole, e un ceppo più aggressivo. Una terza popolazione di volpi non era stata selezionata per alcun particolare comportamento. I tre gruppi offrono un'opportunità unica per determinare le basi genetiche del comportamento mansueto e di quello aggressivo, spiegano i ricercatori.

Il team di Anna Kukekova e Guojie Zhang ha mappato il genoma di riferimento della volpe rossa e analizzato quelli di esemplari delle popolazioni domestiche, di quelle aggressive e di quelle tradizionalmente allevate in fattoria. Così gli scienziati hanno identificato 103 regioni genomiche 'bersagliate' dalla selezione nei tre ceppi di volpe, con diversi geni che negli esseri umani sono associati a disturbi neurologici (tra cui quello dello spettro autistico e il disturbo bipolare).

Gli autori hanno scoperto che gli indizi, per quanto riguarda il comportamento addomesticato, si concentrano sul gene SorCS1, che regola le proteine ​​coinvolte nella comunicazione tra i neuroni. Dunque, secondo i ricercatori, la volpe rossa fornisce un modello importante per comprendere le basi genetiche del comportamento sociale, anche di quello umano.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa