home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Allergie, verso microchip per svelarle da una goccia di sangue

Lo studio in corso all'Università di Bologna

Allergie, verso microchip per svelarle da una goccia di sangue

Roma, 5 nov. (AdnKronos Salute) - Stop alla fastidiosa sequenza di 'punture' sul braccio dei tradizionali prick test svela allergie. Un gruppo di ricercatori dell'Università di Bologna è al lavoro per far nascere una nuova generazione di test allergologici non invasivi per bambine e bambini: basterà una goccia di sangue per capire in pochi minuti se i piccoli pazienti soffrono di qualche forma allergica. Il progetto - chiamato 'IntegrAL' - si basa sulla messa a punto di microchip 'arricchiti' da particolari nanoparticelle in grado di rilevare la presenza e la tipologia di eventuali allergie a partire dal comportamento delle cellule ematiche.

Le risposte allergiche nascono da una reattività eccessiva del nostro sistema immunitario scatenata dal contatto con una sostanza esterna chiamata allergene, ricordano dall'ateneo Alma Mater. Che siano pollini, specifici alimenti o particolari composti chimici, ad allergeni diversi corrispondono risposte immunitarie diverse. In un modo o nell'altro, i globuli bianchi si mettono al lavoro provocando infiammazioni nei tessuti interessati. Tracce di queste infiammazioni, però, possono restare presenti sia nelle mucose respiratorie che nel sangue anche quando i sintomi sembrano ormai assenti, rendendo così difficile per il medico tenere sotto controllo il quadro clinico del paziente.

La nuova tipologia di test su cui stanno lavorando i ricercatori sfrutta in chiave tecnologica questo fenomeno grazie a speciali microchip su cui vengono inserite particolari molecole che riconoscono le integrine, cioè le proteine che determinano la capacità delle cellule del sistema immunitario di aderire o meno a diversi tessuti. "Grazie alla diversa adesione mostrata da ciascun tipo di cellula, queste potranno essere separate e quantificate sul microchip", spiega Luca Gentilucci, docente dell'Università di Bologna e coordinatore del progetto di ricerca. "In questo modo, sul chip si formeranno pattern diversi di cellule a seconda delle diverse forme allergiche". E interpretando questi pattern, sarà possibile valutare l'andamento della malattia.

L'obiettivo del progetto è dar vita a una nuova generazione di test allergologici rapidi, efficienti, economici e non invasivi. Per attivarli basterà una goccia di sangue e grazie al loro particolare funzionamento permetteranno una personalizzazione della terapia allergica basata sulla reale presenza di infiammazione anche non clinicamente rilevante.

"Questi dispositivi - aggiunge Gentilucci - consentiranno un approccio diagnostico che potrà essere rapidamente implementato come test di routine non solo in qualsiasi laboratorio di analisi clinica o ambulatorio, ma anche in strutture ospedaliere e farmacie". Un vantaggio non indifferente in termini di diffusione ed efficacia dei test, e anche un possibile rilevante risparmio per il nostro sistema sanitario. Il progetto IngegrAL è realizzato da Gentilucci (coordinatore), insieme a Rossella De Marco e Michele Anselmi del Dipartimento di Chimica 'Giacomo Ciamician' dell'Università Alma Mater e si avvale di un finanziamento della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna.

Collaborano inoltre Giampaolo Ricci e Francesca Cipriani del Policlinico Sant'Orsola-Malpighi (Clinica pediatrica Gozzadini), per la fornitura dei campioni per i test su microchip e la validazione dei risultati, e Nermin Seda Kehr del CeNTech-Center for Nanotechnology di Münster (Germania), che si occupa della preparazione delle nanoparticelle e dei nanomateriali.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa