Notizie locali
Pubblicità
Coronavirus, epidemia può crescere fino a 190mila casi

Salute

Coronavirus, epidemia può crescere fino a 190mila casi

Di Redazione

ROMA - Alle prese con un’epidemia che soltanto in Cina registra oltre 9.600 casi e diffusa finora in oltre 20 Paesi, i ricercatori di tutto il mondo cominciano a costruire modelli che permettano di capire come potrà evolversi la diffusione del coronavirus 2019-nCov e quale dimensione potrà assumere. I modelli, resi noti dalla rivista Nature sul suo sito, al momento riguardano esclusivamente la zona di Wuhan, la grande città della Cina orientale dalla quale in dicembre è partita l’epidemia: soltanto qui, infatti, il numero di casi è sufficientemente alto per poter elaborare uno scenario.

Pubblicità


E’ emerso così che l’epidemia potrebbe crescere fino a causare un numero di casi che va da un minimo di 39.000 a 190.000 casi. La forbice che li separa è notevole e si deve alla differenza nei dati relativi al comportamento del virus, come quelli sui tempi di incubazione e soprattutto sul tasso di diffusione. Il più ottimista è lo scenario pubblicato dal MobsLab e coordinato dall’italiano Alessandro Vespignani, della Fondazione Isi di Torino e della Northeastern University di Boston e indica che nella provincia di Wuhan, con i suoi 30 milioni di abitanti, i casi potrebbero essere in media 39.200 (da 28.600 a 52.000). I ricercatori rilevano comunque che «la mancanza di dati dettagliati sull'epidemia del virus 2019-nCoV rende i modelli molto soggetti alle assunzioni e alle limitazioni circa i dati e i parametri sui quali si basano».


Lo scenario più pessimista è quello elaborato dal gruppo dell’Università britannica di Lancaster guidato da Jonathan M. Read: assumendo che il numero delle infezioni sia maggiore a quello finora osservato e che il tasso di diffusione del virus, stimato fra 1,5 e 3,5, sia invece compreso fra 3,6 3 4,0, calcola che i casi a Wuhan potrebbero aumentare a 190.00.
«Tutti e due gli scenari sono verosimili», rileva la virologa Ilaria Capua, direttore del Centro di eccellenza dedicato alla "One Health" dell’Università della Florida. Tuttavia, aggiunge, "per quanto il nuovo coronavirus sia sconosciuto, non si sta profilando una catastrofe". Il virus 2019-nCoV provoca infatti "un’infezione respiratoria perfettamente curabile", ma poiché "viene colpito contemporaneamente un numero elevato di persone, questo rischia di rallentare o di bloccare dei servizi, come il trasporto pubblico». L’Italia, ha concluso, «è un Paese che ha un servizio sanitario di eccellenza e l’Istituto Spallanzani di Roma ha avuto il test, sequenziato il virus e identificato i primi due casi con assoluta competenza». 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: