Notizie locali
Pubblicità
Coronavirus, un immunologo di origini siciliane tra scienziati impegnati sul vaccino

Salute

Coronavirus, un immunologo di origini siciliane tra scienziati impegnati sul vaccino

Di Redazione

C'è anche il celebre immunologo di origini siciliane Anthony Fauci tra gli scienziati di tutto il mondo che stanno lavorando per individuare un vaccino contro il coronavirus. I nonni paterni di Fauci, direttore del capo dell’istituto statunitense per lo studio delle malattie infettive Niaid (National Institute of Allergy and Infectious Diseases), emigrarono a New York City all’inizio del ventesimo secolo. Suo nonno si chiamava Antonino Fauci, la nonna si chiamava Calogera Guardino. Il padre di Tony ha frequentato la Columbia University ed è diventato farmacista mentre sua madre ha frequentato il Hunter College.

Pubblicità

Anthony Fauci ha riferito all'Ansa che occorrono due o tre mesi per la prima sperimentazione del vaccino contro il coronavirus 2019-nCov, condotta su un piccolo numero di persone per verificarne la sicurezza. “Stiamo lavorando per sviluppare un vaccino a ‘Rma messaggero per il nuovo coronavirus”, ha detto Fauci. Attualmente, ha aggiunto, “anche altri Paesi e altre aziende stanno lavorando su un vaccino”. Questa prima tappa della sperimentazione clinica, ha osservato, "consisterà nel somministrare il vaccino a un piccolo di adulti sani negli Stati Uniti per vedere se è sicuro ed è in grado di indurre una risposta immunitaria. Se questo avrà successo e l'epidemia non sarà conclusa potremo promuovere un test clinico più ampio, di fase 2, allo scopo di dimostrare l'efficacia (o meno) del vaccino in un arco di tempo che va da un anno a un anno e mezzo". A questo punto, ha concluso il direttore del Niaid, "se il vaccino si sarà dimostrato efficace, saranno necessari ancora dei mesi per produrre una quantità di vaccino sufficiente per una vasta distribuzione".

Fauci ha fornito anche contributi fondamentali nel campo della ricerca sull'AIDS e su altre immunodeficienze, sia come scienziato che come capo dell'istituto statunitense National Institute of Allergy and Infectious Diseases.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: