Notizie locali

Salute

Coronavirus: cardiologo, 'più rischi per ipertesi, cardiopatici e diabetici'

Di Redazione

Roma, 13 mar. (Adnkronos Salute) - Ormai i dati non lasciano dubbi. "La mortalità di Covid-19 è più elevata per gli ipertesi, i pazienti con aritmie cardiache, i diabetici e soggetti con patologie cardiovascolari. Ma anche, in generale, per gli anziani. Dunque il massaggio è semplice: bisogna stare a casa". Lo sottolinea all'Adnkronos Salute Antonio Rebuzzi, professore di Cardiologia presso l'Università Cattolica di Roma e direttore della Terapia intensiva cardiologica del Policlinico Gemelli. "Questi pazienti possono proteggersi stando a casa", ribadisce lo specialista.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA